Archive for the ‘Uncategorized’ Category

SOSPENSIONE AGGIORNAMENTO BLOG

09/08/2017

Nel comunicare che in coincidenza con    le ferie estive  nei prossimi giorni non sara’ effettuato l’aggiornamento del Blog, si formulano sentiti e sinceri auguri di  buon ferragosto ai visitatori del  medesimo  ,  esprimendo  compiacimento ed apprezzamento per la costante attenzione e simpatia con cui  continuano a  manifestare  interesse  alle informazioni  ed agli approfondimenti che trovano quotidianamente pubblicazione

Cordiali saluti a tutti .F.Colaci

CONTRIBUZIONE INPS FERIE NON GODUTE NEI TERMINI

08/08/2017

 Come è noto, la normativa   in vigore in materia di ferie (D.Lgs. 66/2003) prevede che ogni lavoratore goda di almeno 4 settimane di ferie per ogni anno di servizio. Di queste settimane, almeno 2 devono essere fatte nell’anno di maturazione mentre le restanti possono essere godute nei 18 mesi successivi al medesimo anno.

Esempio  due settimane da fare obbligatoriamente nel 2014 e le restanti entro il 30.06.2016.

Queste 4 settimane, a differenza dei giorni ulteriori eventualmente previsti dalla contrattazione di riferimento,  possono essere monetizzate solo  all’atto  della  cessazione del rapporto di lavoro.

Ma l’Inps , all’obbligo di legge relativo al  godimento nei termini stabiliti , ha  ritenuto di disporre    l’obbligazione contributiva.,valutandoi che   il lavoratore dovrebbe aver esaurito le ferie del 2014 come previsto dalla normativa e, se non lo ha fatto, deve quantomeno pagare i contributi.

Tuttavia, le  maggiori trattenute per questa ragione, nel momento in cui il dipendente  godrà effettivamente del periodo feriale ,saranno compensate,poiche’  si vedrà restituire i contributi anticipati ottenendo così un netto in busta più alto del previsto  a compensazione ,appunto  ,delle    maggiori trattenute  operate in precedenza

APPROVATO PIANO INL PERFORMANCE ANNO 2017/19

08/08/2017

Con Decreto Direttoriale n. 20/2017 il Capo dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha approvato il Piano della Performance 2017-2019.

Il documento, in coerenza con i contenuti e il ciclo di programmazione finanziaria e di bilancio, individua gli obiettivi strategici e operativi, definisce gli indicatori per la misurazione e la valutazione della performance dell’Agenzia e dei suoi dirigenti, valorizzando il merito, e consente la rendicontazione sociale sull’impiego delle risorse e sulle attività realizzate dall’Amministrazione.

Vai alla sezione dedicata.

MEF:AIUTO ALLA CRESCITA ECONOMICA

08/08/2017

Ministero dell’Economia e delle Finanzeatori informa che è in corso di pubblicazione il decreto 3 agosto 2017, con il quale  sono adottate le disposizioni di revisione del decreto 14 marzo 2012, recante le disposizioni per l’Aiuto alla crescita economica (ACE), ai sensi dell’articolo 13-bis, comma 11, del decreto-legge 30 dicembre 2016, n. 244, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2017, n. 19.

INPS:TRASFORMAZIONE DOMANDA NASPI IN DIS-COLL

07/08/2017

L’INPS comunica che le domande di indennità di disoccupazione NASpI erroneamente presentate in luogo di domande di indennità DIS-COLL – e viceversa – possono essere trasformate in domande di DIS-COLL anche per gli eventi di disoccupazione verificatisi nell’anno 2016, come peraltro già previsto per gli eventi di disoccupazione verificatisi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2015 (vedi messaggio n. 2884 del 30 giugno 2016).

Con il messaggio 3242 del 4 agosto 2017, infatti, l’Inps rende noto che la trasformazione delle domande è possibile sulla base di apposito parere fornito dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con nota n. 5241 del 1 agosto 2017.

In particolare, qualora la domanda di prestazione abbia tutti i requisiti per essere valutata quale domanda di DIS-COLL e, solo per errore materiale, sia stata presentata come domanda di NASpI, la medesima può essere accolta a valere sulle risorse residue stanziate dall’articolo 1, comma 310 della legge n. 208 del 2015.

Le strutture territoriali dell’Istituto procederanno pertanto all’acquisizione di una nuova e corretta domanda, esclusivamente su istanza degli interessati, corredata dalla documentazione eventualmente richiesta ai fini dell’accesso alla prestazione di disoccupazione spettante.

Le nuove domande saranno acquisite con la medesima data di presentazione di quelle erroneamente inoltrate.

 

Fonte: INPS

 

 

INPS:ISTRUZIONI DOMANDE PENSIONE INVALIDITA’ CAUSATA AMIANTO

07/08/2017

L’INPS ha emanato il messaggio n. 3249 del 4 agosto 2017, con la quale informa circa le modalità di presentazione delle domande  per la pensione di inabilità per soggetti affetti da malattie, di origine professionale, derivanti da esposizioni all’amianto.

La suddetta pensione di inabilità spetta ai lavoratori iscritti all’assicurazione generale obbligatoria, alle forme esclusive e sostitutive della medesima, affetti da:

  1. mesotelioma pleurico (c45.0), mesotelioma pericardico (c45.2), mesotelioma peritoneale (c45.1), mesotelioma della tunica vaginale del testicolo (c45.7), carcinoma polmonare (c34) ed asbestosi  (j61);
  2. riconosciute di origine professionale ovvero come causa di servizio con apposita certificazione rilasciata dall’INAIL o da altre amministrazioni competenti secondo la normativa vigente;
  3. in possesso del requisito di 5 anni di contribuzione versata o accreditata.

L’erogazione della prestazione è subordinata ad uno specifico monitoraggio, effettuato sulle domande di riconoscimento delle condizioni per l’accesso al beneficio, in relazione ai limiti annuali di spesa.

Sulla base del citato decreto, per il corrente anno, le domande di riconoscimento delle condizioni per l’accesso al beneficio devono essere presentate entro e non oltre il 16 settembre 2017.

 

Fonte: INPS

 

MISE:MISURE AVEVOLAZIONE IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE

07/08/2017

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato la circolare 25 luglio 2017, n. 90954, con la quale sono state apportate modifiche e integrazioni alla circolare direttoriale 9 ottobre 2015, n. 75445, recante i termini e le modalità di presentazione delle domande per l’accesso alle agevolazioni in favore della nuova imprenditorialita’ giovanile e femminile.

MEF:IN PUBBLICAZIONE PROVVEDIMENTO MODIFICHE DECRETO CRESCITA ECONOMICA

06/08/2017

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze informa che è in corso di pubblicazione il decreto 3 agosto 2017, con il quale  sono adottate le disposizioni di revisione del decreto 14 marzo 2012, recante le disposizioni per l’Aiuto alla crescita economica (ACE), ai sensi dell’articolo 13-bis, comma 11, del decreto-legge 30 dicembre 2016, n. 244, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2017, n. 19.

INPS:NUOVA FASE VERIFICA REGOLARITA’ PER FRUIZIONE AGEVOLAZIONI

06/08/2017

L’INPS ha emanato il messaggio n. 3220 del 3 agosto 2017, con la quale comunica che dal 1° settembre 2017 sarà avviata della nuova fase di verifica delle condizioni di regolarità per la fruizione dei benefici normativi e contributivi.

Il sistema, che immetterà autonomamente nel portale “durc on line” le istanze di verifica al pari di qualunque altro soggetto abilitato, sarà attivato per tutte le denunce Uniemens per le quali risultino in stato EMESSO note di rettifica con causale “addebito art. 1, comma 1175, della legge 27 dicembre 2006, n. 296” ed in relazione alle quali non sia mai stato notificato il preavviso di DURC interno negativo.

DPCM CONTENENTE MODIFICHE PROVVEDIMENTO RIGUARDANTE LICENZIAMENTO DISCIPLINARE P.A.

06/08/2017

Il Consiglio dei ministri ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 4 agosto 2017, il Decreto Legislativo 20 luglio 2017, n. 118, con le disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 20 giugno 2016, n. 116, recante modifiche all’articolo 55-quater del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ai sensi dell’articolo 17, comma 1, lettera s), della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di licenziamento disciplinare.

 

Fonte: Gazzetta Ufficiale

 

 


 

DECRETO LEGISLATIVO 20 luglio 2017, n. 118 

Disposizioni integrative  e  correttive  al  decreto  legislativo  20
giugno 2016, n. 116, recante  modifiche  all'articolo  55-quater  del
decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ai sensi dell'articolo 17,
comma 1, lettera s), della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di
licenziamento disciplinare.
 
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 
 
  Visti gli articoli 76, 87 e 97 della Costituzione; 
  Vista la legge 7 agosto 2015, n. 124, recante deleghe al Governo in
materia di riorganizzazione delle  amministrazioni  pubbliche  e,  in
particolare, gli articoli 16 e 17, comma 1, lettera s); 
  Visto il decreto  legislativo  20  giugno  2016,  n.  116,  recante
modifiche all'articolo 55-quater del  decreto  legislativo  30  marzo
2001, n. 165, ai sensi dell'articolo 17, comma 1, lettera  s),  della
legge  7  agosto  2015,  n.  124,   in   materia   di   licenziamento
disciplinare; 
  Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165,  recante  norme
generali  sull'ordinamento   del   lavoro   alle   dipendenze   delle
amministrazioni pubbliche; 
  Vista la sentenza della Corte costituzionale n. 251 del 2016; 
  Visto il parere del Consiglio di Stato n. 83 del 17 gennaio 2017; 
  Visto, in particolare, l'articolo 16, comma 7, della legge citata 7
agosto 2015, n. 124, il quale prevede che  entro  dodici  mesi  dalla
data di entrata in vigore di ciascuno dei decreti legislativi di  cui
al comma 1, il Governo puo' adottare, nel  rispetto  dei  principi  e
criteri direttivi e della procedura stabiliti dal medesimo  articolo,
uno o piu' decreti legislativi  recanti  disposizioni  integrative  e
correttive; 
  Sentite le organizzazioni  sindacali  maggiormente  rappresentative
nella riunione del 15 febbraio 2017; 
  Vista la preliminare  deliberazione  del  Consiglio  dei  ministri,
adottata nella riunione del 17 febbraio 2017; 
  Acquisita l'intesa della Conferenza permanente per i  rapporti  tra
lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e  Bolzano  sul
decreto legislativo 20 giugno 2016, n. 116, e  sulle  integrazioni  e
modifiche apportate al suddetto decreto legislativo con  il  presente
provvedimento correttivo, nella seduta del 16 marzo 2017; 
  Acquisito il parere della Conferenza unificata nella seduta del  16
marzo 2017; 
  Udito il parere del Consiglio  di  Stato,  espresso  dalla  Sezione
consultiva per gli atti normativi nell'adunanza dell'11 aprile 2017; 
  Acquisito  il  parere  della  Commissione   parlamentare   per   la
semplificazione  e  delle  Commissioni  parlamentari  competenti  per
materia e per i profili finanziari della Camera dei  deputati  e  del
Senato della Repubblica; 
  Vista la deliberazione del Consiglio dei ministri,  adottata  nella
riunione del 10 luglio 2017; 
  Sulla proposta del Ministro per la semplificazione  e  la  pubblica
amministrazione, di concerto con il Ministro  dell'economia  e  delle
finanze; 
 
                              E m a n a 
                  il seguente decreto legislativo: 
 
                               Art. 1 
 
                               Oggetto 
 
  1. Il decreto legislativo 20 giugno 2016, n. 116, e'  modificato  eintegrato secondo le disposizioni del presente  decreto.  Per  quanto
non disciplinato dal presente decreto, restano ferme le  disposizioni
del decreto legislativo n. 116 del 2016. 
                               Art. 2 
 
Modifiche alle Premesse del decreto legislativo 20  giugno  2016,  n.116
                                 
 
  1. Nelle Premesse del decreto legislativo n. 116 del 2016, dopo  il
capoverso:  «Vista  la  deliberazione  del  Consiglio  dei  ministri,
adottata  nella  riunione  del  15  giugno  2016;»,  e'  inserito  il
seguente: «Acquisita l'intesa in sede di Conferenza permanente per  i
rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento  e
Bolzano, raggiunta nella seduta del 16 marzo 2017;». 
                               Art. 3 
 
Modifiche all'articolo 1 del decreto legislativo 20 giugno  2016,  n.116
                                  
 
  1. All'articolo 1, comma 1, lettera b), del decreto legislativo  n.
116 del 2016, sono apportate le seguenti modificazioni: 
    a) al capoverso 3-quater, la  parola:  «quindici»  e'  sostituita
dalla seguente: «venti» e la parola: «centoventi» e' sostituita dalla
seguente: «centocinquanta»; 
    b)  dopo  il  capoverso  3-quinquies  e'  aggiunto  il  seguente:
«3-sexies. I provvedimenti di cui ai commi 3-bis  e  3-ter  e  quelli
conclusivi  dei  procedimenti  di  cui  al  presente  articolo   sono
comunicati all'Ispettorato per  la  funzione  pubblica  ai  sensi  di
quanto previsto dall'articolo 55-bis, comma 4.». 
                               Art. 4 
 
                 Clausola di invarianza finanziaria 
 
  1. All'attuazione delle disposizioni di cui al presente decreto  si
provvede nell'ambito delle risorse umane, strumentali  e  finanziarie
disponibili  a  legislazione  vigente  e,  comunque,  senza  nuovi  o
maggiori oneri per la finanza pubblica. 
                               Art. 5 
 
                         Disposizioni finali 
 
  1.  Sono  fatti  salvi  gli  effetti  gia'  prodotti  dal   decreto
legislativo n. 116 del 2016. 
                               Art. 6 
 
                          Entrata in vigore 
 
  1. Il presente decreto entra in vigore il  giorno  successivo  alla
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. 
  Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito
nella  Raccolta  ufficiale  degli  atti  normativi  della  Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare. 
    Dato a Roma, addi' 20 luglio 2017 
 
                             MATTARELLA 
 
                                  Gentiloni Silveri,  Presidente  del
                                  Consiglio dei ministri 
 
                                  Madia,     Ministro     per      la
                                  semplificazione   e   la   pubblica
                                  amministrazione 
 
                                  Padoan,  Ministro  dell'economia  e
                                  delle finanze 
Visto, il Guardasigilli: Orlando