A PROPOSITO DI APE SOCIALE E VOLONTARIA

In dirittura d’arrivo il decreto APe Social, che su richiesta del Consiglio di Stato consentirà di presentare domanda almeno fino al 31 luglio 2017, con la retroattività dal primo maggio per chi ha già il requisito: lo ha confermato il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti, nel corso di un question time alla Camera. Dovrebbe essere questione di giorni.

 

Il Governo, secondo quanto riferito, ha effettuato una serie di correzioni sulla base del parere del CdS, prima di inviarlo alla Corte dei Conti per la registrazione. Il decreto sull’APe Social, insieme al provvedimento attuativo sulla pensione anticipata con la quota 41, è stato infatti oggetto di rilievi e richieste di modifica, tanto da farne slittare l’entrata in vigore prevista dalla Legge di Stabilità il primo maggio.

 

Lo schema iniziale di decreto prevedeva la possibilità di presentare le domande per l’accesso all’APe social nel 2017 fino al 30 giugno: questa scadenza sarà prorogata, in considerazione dello slittamento dei tempi. Almeno al 31 luglio. Per quanto riguarda invece l’apertura della finestra, è tutto da vedere. Anche dopo la pubblicazione dei decreti in Gazzetta Ufficiale, infatti, saranno necessari nuovi provvedimenti applicativi per la partenza della riforma, ma i tempi di attivazione «saranno contenuti al minimo», ha assicurato Poletti.

 
L’Esecutivo sta lavorando anche al decreto sull’APe volontaria, che «è già stato predisposto e sarà inviato al Consiglio di Stato». Poletti conferma che si tratterà di un anticipo pensionistico a tutti gli effetti, accessibile a 63 anni di età con almeno 20 anni di contributi (bisogna anche avere maturato un assegno pari ad almeno 702 euro lordi e non devono mancare più di tre anni e sette mesi alla pensione): quando si raggiunge l’età pensionabile, si restituisce quanto percepito a titolo di anticipo con rate ventennali sull’assegno previdenziale. Il trattamento è erogato dall’INPS, ma è finanziato dal sistema bancario.

 

L’APe Social, invece, è interamente a carico dello Stato (per cui non sarà poi necessario restituire nulla quando si raggiunge la pensione vera e propria), ma è accessibile solo a determinate categorie di lavoratori: disoccupati, caregiver che assistono coniuge o parenti di primo grado conviventi con handicap grave da almeno sei mesi, lavoratori con disabilità almeno al 74%, addetti a mansioni usuranti.  Il requisito anagrafico è sempre di 63 anni, quello contributivo è di 30 anni per le prime tre categorie, mentre sale a 36 anni per gli addetti alle mansioni gravose.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: