RITIRO,SOSPENSIONE E REVOCA PATENTE GUIDA CONDUCENTI IMPRESE AUTOTRASPORTI:CONSEGUENZE DISCIPLINARI CARIVO DIPENDENTI

 1.INFORMAZIONI E CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE
Con la legge 29 luglio 2010, n. 120,entrata in vigore il 13 agosto 2010, sono state apportate alcune rilevanti modifiche al Codice della Strada (D.lgs 30 aprile 1992,n. 285),  che appaiono  finalizzate a   a consolidare lemisure di prevenzione  per gli incidenti stradali e di
repressione  a carico dei  comportamenti scorretti al volante .
Nell’ambito di dette misure, quella che    incide direttamente sulla disciplina dei rapporti di lavoro   e’ quella prevista dall’art. 43 della citata  legge     n. 120/2010,  che ha modificando il testo dell’art. 219 del Codice della Strada, prevedendo che
la revoca della patente, se disposta come sanzione accessoria al reato di guida in stato di ubriachezza o dopo
aver assunto droghe, costituisce giusta causa di licenziamento delle persone che guidano veicoli per motivi professionali
.La norma agevola la repressione di determinati comportamenti, in quanto rende certo e inattaccabile il
provvedimento di licenziamento e, soprattutto, indica la volontà del legislatore di perseguire con fermezzatali comportamenti.
La richiamata disposizione deve essere anche coordinata con le norme della contrattazione collettiva attualmente
vigenti per il settore maggiormente interessato dalla norma, e cioè quello dei trasporti e delle spedizioni ,fermo restando
  la novità legislativa evidenziata non altera  le  accennate  disposizioni collettive ,ma  si affianca  alle stesse , rafforzando il sistema sanzionatorio applicabile agli illeciti disciplinari commessi al volante.
2.AMBITO DI APPLICAZIONE LEGGE
La legge specifica che il licenziamento per giusta causa può essere comminato ai conducenti di cui all’articolo
186bis, comma 1, lettere b), c)ed) .
Mediante il rinvio a  a teli norme , si individuano come destinatari della nuova disciplina i seguenti soggetti:
-i conducenti che esercitano l’attività di trasporto di persone(C.d.S: art. 85 – servizi di linea; art. 86 – servizio di piazza con autovettura con conducente taxi; art. 87 – servizio di linea);
 -i conducenti che esercitano l’attività di trasporto di cos(C.d.S: art. 88 – trasporto perconto terzi; art. 89 – servizio di linea; art.90 – per conto terzi in servizio di piazza);
-i conducenti di autoveicoli di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate, diautoveicoli trainanti un rimorchio che comporti unamassa complessiva totale a pieno carico dei dueveicoli superiore a 3,5 tonnellate, di autobus e di altri autoveicoli destinati al trasporto di persone il cui numero di posti a sedere, escluso quello del conducente, è superiore a otto, nonché diautoarticolati e di autosnodati.
La norma, dopo aver circoscritto il proprio ambito di applicazione ai  sopra indicati soggetti,fissa   due     presupposti oggettivi per l’applicabilità del licenziamento per giusta causa (art. 219, comma 3quater),ossia:
-la patente deve essere oggetto di un provvedimento di “revoca”;
-la revoca deve essere stata disposta come sanzione accessoria all’accertamento di uno dei reati di cui         gli articoli 186, comma 2, lettere b)e c) (guida in stato di ubriachezza), e 18(guida in stato di alterazione psico fisica dopo l’assunzione di sostanze stupefacenti) del    C.d .s.
3.PROVVEDIMENTI CHE INCIDONO SU  PATENTE   GUIDA
  I  provvedimenti amministrativi che vanno a incidere sull’abilitazione alla guida di autoveicoli  sono diversi ,posdto che ,infatti ,la
patente uò essere oggetto di ritiro,  sospensione o direvoca.
Non tutti gli illeciti commessi al volante, quindi, sfociano nella revoca della patente; questa precisazione
appare rilevante, in lquanto la nuova norma in materia di licenziamento per giusta causa trova applicazione
solo nella terza, e più grave, delle situazioni sopra descritte  ,vale  a dire la revoca ella patente .
Invece, per casi di sospensione o ritiro della patente, continuano ad applicarsi i principi generali in materia di
responsabilità disciplinare del dipendente; l’eventuale licenziamento (così come l’applicazione di misure
disciplinari di carattere conservativo) potrà essere comunque comminato, ma dovrà essere accompagnato
dall’accertamento di un comportamento che rompe l’elemento fiduciario con il datore di lavoro, oppure
determina un inadempimento notevole degli obblighi contrattuali o, infine, è previsto dal codice disciplinare
come illecito.
3.1 RITIRO   PATENTE
Il ritiro costituisce, nella generalità dei casi, unasanzione accessoria di alcune specifiche violazioni(ad esempio guida con patente scad
uta o con patente estera da parte di conducenti residenti in
Italia da oltre un anno); una volta ritirata,la patente viene restituita dall’autoritàamministrativa solo dopo che sono state adempiute le formalità omesse(nel caso degliesempi sopra citati, rinnovo od ottenimento della patente italiana).
3.2 SOSPENSIONE   PATENTE
La sospensione (artt. 218 e 129 C.d.S.) della patente consiste, invece, nella privazione di validità del ocumento, con la quale si impedisce al titolare di circolare alla guida di qualsiasi veicolo; può essere isposta a tempo indeterminato (quando, ad esempio, vengono meno i requisiti fisici e psichici perguidare), oppure come sanzione accessoria conseguente ad alcune violazioni del codice della strada (ad esempio superamento dei limiti di velocità di oltre 40 km/h, guida contromano,ecc.).
Una volta terminato il periodo di sospensione, la patente riprende validità
3.3 REVOCA   PATENTE
Infine, la revoca (art. 116, commi 13 e 18, 120, 130, 130-bis, 219 Cod..della Strada  )     consiste nella privazione definitiva di efficacia e validità del documento di guida; una volta revocata la patente, il titolare si trova nella stessa situazione di chi non ha mai conseguito la patente stessa.
La revoca può essere disposta in caso di perdita permanente dei requisiti fisici e psichici prescrittidalla legge, oppure nel caso in cui sia collegata alla violazione di alcune violazioni delle norme delC.d.S. (circolazione con patente sospesa, incidente con guida sotto l’effetto di droghe, ecc.).
Il titolare può tornare in possesso di una nuova patente (di categoria non superiore a quellarevocata) solo al momento in cui sono cessati i motivi che hanno determinato la revoca, previo uperamento degli esami, e comunque solo dopo che sono decorsi almeno due anni dalla revoca;se la revoca è disposta a seguito di guida sotto l’effetto dell’alcool o della droga non èpossibile conseguire una nuova patente prima di tre anni dall’accertamento del reato(art. 219, comma 3-ter, nuovo testo).
4.ILLECITI  DA CONSIDERARE    FINI   NORMA
Con riferimento al secondo presupposto di applicabilità della norma (accertamento della guida sotto
l’influenza di alcol o droghe), il dipendente può essere licenziato solo se viene condannato per uno dei reati di cui  all’art. 186, comma 2, lettere b)e c), ed all’art. 187.
Per quanto riguarda la guida in stato di ebbrezza in conseguenza dell’uso di bevande alcoliche (art. 186),si aggiunge che
dovranno sussistere tutte le seguenti condizioni:
 -accertamento di un valore corrispondente a un tasso alcolemico superiore a 0,8 grammi per litro;
-applicazione della relativa condanna penale (ammenda da euro 800 a euro 3.200 e arrestofino asei mesi, se la quantità non supera 1,5 grammi per litro);
-ammenda da euro 1.500 a euro 6.000  ed arresto da sei mesi a un anno,( qualora sia stato accertato un valore corrispondente a un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro);
 Circa il provvedimento      di     revoca,         è      dire che   esso                non può essere disposto per qualsiasi illecito, ma solo quando il guidatore è recidivo(in tal caso la sanzione scatta automaticamente) oppure quando il conducente provoca un incidente stradale e sia stato accertato un valore corrispondente a un tasso alcolemicosuperiore a 1,5 grammi per litro
.
Per quanto riguarda la guida in stato di alterazione psicofisica per uso di sostanze stupefacenti(art. 187), è possibile irrogare il licenziamento per giusta causa solo in presenza delle seguenti condizioni:
 -condanna penale(ammendada euro 1.500 a euro 6.000 e arrestoda sei mesi a un anno) perguida in stato di alterazione psicofisica dopo aver assunto sostanze stupefacenti o psicotrope;
 -revoca della patente, che può essere disposta in caso di recidiva nel trienni, oppure quando ilconducente dopo aver assunto sostanze stupefacenti o psicotrope provoca un incidente stradale
5.COORDINAMENTO CON   DISCIPLINA LEGALE E CONTRATTUALE RIGUARDANTE
  LICENZIAMENTO
Occorre in primo luogo osservare che l’art. 43 della legge n.120/2010 prevede che il datoire di lavoro puo’ licenziare per
giusta causa il dipendente destinatario del provvedimento di revoca  della patente di guida,  ma senza imporrei adottare tale scelta, né introduce alcun automatismo.
Vale a dire che per la risoluzione del rapporto di lavoro sarà sempre necessaria l’iniziativa del datore di lavoro e lo svolgimento di un procedimento disciplinare conforme alle norme dello Statuto dei lavoratori(contestazione dell’addebito e provvedimento disciplinare conseguente).
Tale procedimento disciplinare sarà notevolmente agevolato dalla tipizzazione legislativa della giusta causa:
in altri termini, non sarà possibile contestare la riconducibilità dei fatti previsti dalla nuova norma ad un’altra
“giusta causa” di licenziamento, in quanto questa riconducibilità è sancita espressamente dalla legge.
In questo modo risulta afforzata la tenuta giudiziaria del provvedimento di recesso ,      che       , di fatto,potrà essere invalidato solo se mancano i presupposti oggettivi previsti    dalla legge (qualifica del conducente  ,revoca della patente, condanna penale per guida sotto l’effetto di alcool o droghe) oppure se la procedura disciplinare non è stata correttamente esperita.
Con riferimento alla contrattazione collettiva, alcuni contratti,  già regolamentavano          gli effetti disciplinari di alcune violazioni al Codice della Strada commesse dai dipendenti.
Il Contratto collettivo che, a questi fini, appare maggiormente interessato dalla nuova norma è quello delsettore “Trasporto e spedizione merci”, siglato in data 9 novembre 2006  ,ggiornato  nel 2013 ,che all’ articolo  32  disciplina l’ipotesi del”ritiro della patente.2,disponendo al comma 1:
“l’autista cui sia ritirata la patente ha diritto alla conservazione del posto per un periodo
di sei mesi. Nelle aziende che occupano fino a 6 dipendenti l datore di lavoro provvederà ad assicurare a sue
spese l’autista contro il rischio del ritiro della patente per un massimo di sei mesi (comma 2), e potrà
sospendergli la retribuzione; invece, nelle aziende che occupano più di 6 dipendenti, oltre alla conservazione
del posto di cui sopra, l’azienda dovrà adibire l’autista a qualsiasi altro lavoro, corrispondendogli la
retribuzione propria del livello al quale viene adibito. Se il ritiro della patente si prolunga oltre il periodo di sei
mesi, oppure l’autista non accetta di essere adibito al lavoro cui l’azienda lo destina, si fa luogo alla
risoluzione del rapporto di lavoro (comma 4)”.
Questa disciplina non confligge con la nuova norma del Codice della Strada, in quanto si applica a un’ipotesi
diversa .Infatti, l ‘art.43 della legge 120/2010   afferma    la legittimità del licenziamento per giusta causa nei casi in cui la
patente sia oggetto di revoca,invece , la disciplina del contratto collettivo nazionale di lavoro si applica al caso -meno grave – del ritiro della patente.
Pertanto, le due discipline (il nuovo Codice della Strada e il Ccnl) possono coesistere, ed anzi vanno a
costruire un sistema sanzionatorio articolato con una giusta gradualità: infatti, l’ipotesi più grave (revoca della
patente per guida sotto l’effetto di droghe o alcol) è sanzionabile con il licenziamento per giusta causa,mentre l’ipotesi meno grave (ritiro della patente per  un      periodo non superiore a 6 mesi) è sanzionata con la     sospensione dalle mansioni.
Infine,si ritiene confacente soffermare l’attenzione in modo particolare sul   provvedimento di  “sospensione della patente,che ,come sopra riportato  ,essendo prevista   e disciplinata dagli artt. 218 e 129 C.d.S., consiste  nella privazione di validità del documento, con  cui  si impedisce al titolare di circolare alla guida di qualsiasi veicolo   e    può esseredisposta a tempo indeterminato (quando, ad esempio, vengono meno i requisiti fisici e psichici per guidare), oppure a tempo determinato ,come sanzione accessoria conseguente ad alcune violazioni del codice della strada (ad esempio superamento dei limiti di velocità di oltre 40 km/h, guida contromano,ecc.).,così che, una volta terminato il periodo di sospensione, la patente riprende validita’.
A tale fattispecie non  solo non risulta   applicabile , non essendo previsto dalla norma legislativa , il licenziamento per giusta causa , stabilito  dall’art.43 della  legge 120/2010  solo   per” la     revoca della patente” ,ma  neppure l’art.32 del vigente ccnl ,  concernente    l’ipotesi del”ritiro della patente”
Pertanto, occorrerebbe che  ,  tra   datore di lavoro e dipendente  colpito da provvedimento di sospensione della patente  ,con la mediazione  e l’assistenza dellle rappresentanze sindacali, si procedesse ad  individuare   , applicare  condivise  soluzioni   riguardanti   sanzioni disciplinari che ,a fronte della violazione del rapporto fiduciario , siano  idonee a non incentivare  l’instaurarsi di contenzioso da parte del lavoratore   ,che si mostri  favorevole ,    ad esempio a  :
-l’aspettiva senza retribuzione e senza  maturazione  di  tutti ovvero alcuni istituti contrattuali (ferie,13ma ,  anzianita’aziendale  e contribuzione,ecc ):
-l’assegnazione ad altre mansioni ,estendendo   la previsione dell’art.32 del ccnl e,quindi, corrispondendo al dipendente interessato  la retribuzione propria del livello al quale viene adibito.
Quanto sopra,nella consapevolezza   delle  parti del rapporto di lavoro che ,nel  caso di sospensione della patente,pur  potendosi  applicare   ,  onde   bilanciare    almeno parzialmente     l’intervenuta   lesione del rapporto fiduciario, una delle sanzioni dsciplinari  di cui alla   vigente legislazione e/o all’autonomia contrattuale( richiamo e  multa ) che  le  stesse oggettivamente  sono   inadeguate  ed in debito  per difetto   a confronto con  la mancanza contestata ,  dovendosi inoltre tener  conto   che persino  la     sospensione dal servizio e dalla retribuzione  ,nell’ipotesi  in esame ,potrebbe rivelarsi  non confacente   , posto che    che ,come è risaputo,l’art.7 della legge 300/70     fissa  la durata massima della predetta     a 10 giorni , che  ,  se si   pone  a confronto     l’ importanza della mancanza commessa ed il   grado  di  afflizione della sanzione disciplinare da comminare ,  risulta un limite temporale del tutto   insufficiente  rispetto a   quello della  sospensione della patente,che di regola è   misurabile   in  mesi.
 Pertanto,  in attesa      che       il legislatore ovvero     la  contrattazione  collettiva riesca a  superare    la carenza    evidenziata in   sul punto  ,  approvando  una  regolamentazione  definitiva    circa      le possibili  conseguenze  da porre a carico del dipendente sotto il profilo  disciplinare in presenza della  sospensione      della patente, al pari di quanto   e’ gia’  sussiste  per il ritiro e la revoca dell’abilitazione alla guida,   si suggerisce di dedicare attenzione ed interesse  all’eventualità di sottoscrivere     accordi collettivi  di secondo     livello ,così come  stabilisce ,ad  esempio    ,   l’art.8  legge n.148/2011

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: