INPS:PROROGA INDENNITA’ MOBILITA’ IN DEROGA BENEFICIARI CIGS

L’Inps ha emanato il messaggio n. 3561 del 6 settembre 2016, con il quale rende noto che, per l’anno 2016, è prorogato l’accesso al trattamento di mobilità in deroga per i lavoratori che hanno beneficiato del trattamento di CIGS.,in  riferimento al Decreto Interministeriale n. 1600068 del 3 agosto 2016, con cui è stata disposta la proroga per tutto il 2016 dell’indennità di mobilità in deroga per i lavoratori che hanno beneficiato del trattamento di CIGS, precisando c  che, per tutto l’anno 2016, .

Stessa proroga spetta anche ai lavoratori in mobilità già beneficiari del predetto trattamento ai sensi del D.L. n. 78/1998, convertito con modificazioni dalla L. n. 176/1998.

Nello specifico, i destinatari della proroga sono tutti quei lavoratori che hanno beneficiato del trattamento Cigs in deroga prima del licenziamento nelle aree sottoposte a reindustrializzazione e con riferimento a protocolli di intesa o intese di programma stipulati tra il Governo e Regioni/parti sociali.

L’erogazione del trattamento è, inoltre, subordinata all’effettivo impegno dei lavoratori in progetti di lavori socialmente utili.

,Alla fattispecie in esame, il requisito massimo di tre anni di concessione della mobilità in deroga valido per il sistema ordinario, che, tra l’altro, non sarà più erogato dal 1° gennaio 2017, in quanto sostituito dalla Naspi, Nuova prestazione di assicurazione sociale per l’impiego.

La misura dell’indennità di mobilità, da corrispondere dal 1° gennaio 2016, dovrà subire una riduzione del 40% e agli interessati spetta l’assegno al nucleo familiare, se in possesso dei requisiti, nonché l’accredito della contribuzione figurativa.  L’Inps, ai fini del rispetto della disponibilità finanziaria, dovrà controllare i flussi di spesa afferenti all’avvenuta erogazione delle prestazioni e darne riscontro al Ministero del Lavoro ed al Ministero dell’Economia e delle Finanze.

le Sedi INPS dovranno utilizzare il codice d’intervento “309”.

Ciascuna domanda dovrà essere gestita inserendo:

  • nel “campo decadenza” la data 01.01.2017; oppure
  • se il lavoratore prima della suddetta data è stato assunto a tempo indeterminato o collocato in pensione, la data esatta di decadenza dalla prestazione.
La misura dell’indennità di mobilità, da corrispondere dal 1° gennaio 2016, sarà ridotta del 40%.
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: