RISPOSTA QUESITO COMPUTO ORGANICO PER CALCOLO QUOTA COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO

Prima di dare risposta al quesito di cui al titolo,si forniscono  i chiarimenti   in merito    all’art.’articolo 3, comma 2, della legge 12 marzo 1999, n. 68 ,
secondo cui  i datori di lavoro privati ,che occupano da 15 a 35 dipendenti , sono tenuti ad avere alle proprie dipendente un lavoratore  appartenente alle categorie disabili aspiranti al collocamento obbligatorio  ex art 1 legge 68/99, solo in caso di nuove assunzioni.
Si precisa , altresì, che l’inciso “solo in caso di nuove assunzioni” , continua a  trovare  applicazione  sino al 31.12.2016,risultando abrogato ,a far data dall’1.1.2017 ,dall’art.3 ,comma 1,del decreto legvo n.151/2015.
Pertanto ,sino alla fine dell’anno in corso i datori di lavoro privati occupanti  sino a  15  ed a 35 dipendenti  , laddove   procedano a nuove assunzioni che  non comportino   il  superamento del limite di 15 dipendenti  non sono soggetti  ad  assumere una unita’  disabile aspirante al collocamento obbligatorio.
Ma come si procede al computo dei lavoratori  in organico agli effetti in questione, in presenza di unita’in forza  a tempo parziale  ?
In materia  provvede l’art.9 ,comma 1 ,del dec. legvo n.81/2015 ,che dal 25.6.2015 ha sostituito l’art.6,comma 1 del decreto legvo 61/2000,abrogato ,secondo cui :
“Ai fini della applicazione di qualsiasi disciplina di fonte legale o contrattuale per la quale sia rilevante il computo dei dipendenti del datore di lavoro, i lavoratori a tempo parziale sono computati in proporzione all’orario svolto, rapportato al tempo pieno.

A tal fine, l’arrotondamento opera per le frazioni di orario eccedenti la somma degli orari a tempo parziale corrispondente a unità intere di orario a tempo pieno”

Al riguardo , si richiama il chiarimento contenuto nella circ.del mlps n.46/01, di commento al dec.legvo 61/01 ,  ancora attuale in vigenza del dec.legvo n.151/15, che    precisa:

Il comma 1 dell’art. 6 come ridefinito dal decreto correttivo, stabilisce che in tutte le ipotesi in cui, per legge o per contratto collettivo, si rende necessario l’accertamento della consistenza dell’organico, i lavoratori a part-time si computano sommando l’orario concordato con ogni singolo lavoratore e raffrontando la somma con l’orario complessivo svolto dai lavoratori a tempo pieno, con arrotondamento all’unità superiore della sola frazione eccedente la somma come innanzi individuata e superiore alla metà dell’orario a tempo pieno; ad esempio, nel caso in cui 3 lavoratori siano assunti con contratto di part-time orizzontale con orari settimanali, rispettivamente, di 18, 20 e 24 ore, si procederà nel seguente modo: 18 + 20 + 24 = 62 ore : 40 ore (orario normale) = 1 unità con il resto di 22 ore e poiché 22 ore superano la metà dell’orario normale (40 ore), si computerà – come arrotondamento – una ulteriore unità; nella fattispecie, quindi, i 3 lavoratori part-time determinano 2 unità lavorative ai fini previsti dall’art. 6.”

Lo stesso Ministero nella successiva circolare n.9/2004 ha  aggiunto : Ai fini delle disposizioni di legge e di contratto collettivo i lavoratori assunti con contratto di lavoro a tempo parziale devono essere computati nell’organico. aziendale in proporzione al tempo effettivo di lavoro.”
Pertanto, se ad esempio il datore di lavoro privato  dal 25 giugno 2015 al 31 dicembre  2015 dispone di un organio di personale in cui sono presenti 14 unita’ a tempo pieno (40 ore sett.) ed una unita’  in part time (20 ore sett.) ,significa   che il medesimo , agli effetti di cui all’art.9.comma 1 del decreto legvo  dispone di un organico di 14 unita’ ,non  computandosi un’ulteriore unita’ per l’arrotondamento  delle 20 ore del part time ,e ,quindi ,
non soggiace  alla norma che impone di assumere una unita’  disabile aspirante al collocamento obbligatorio ,trovandosi al di sotto dei 15 dipendenti.
Peraltro,il datore di lavoro  di cui all’esempio continuerebbe ad essere esentato  dall’assumere  un’unita’ disabile aspirante al collocamento  ex legge 68/99, pure se, nel periodo  dal 25 giugno al 31.dicembre 2016  procedesse ,ad  una nuova assunzione full time   tramite  collocamento ordinario ,considerato che non sarebbe  soggetto   ad  assumere una unita’  disabile aspirante al collocamento obbligatorio., poiche’ ,non superando le 15 unita’ in forza ,   essendo escluso che deve        calcolarsi   come unita ‘ intera quella  in forza  a tempo parziale. , continua a  trovare  applicazione  sino al 31.12.2016  nei suoi confronti l’articolo 3, comma 2, della legge 12 marzo 1999, n. 68 ,’ che come prima  detto  risulta abrogato,ma  con effetto soltanto dal 1° gennaio 2017.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: