ABOLITO SERVIZIO POSTE ITALIANE RELATIVO DATA CERTA

Dall’ 1 aprile 2016, Poste Italiane non  effettua  più il servizio “Data Certa “,utilizzato  da  milioni di cittadini, garantendo l’attestazione del pubblico ufficiale, mediante il timbro postale apposto su documenti come contratti, dichiarazioni unilaterali e altre scritture private, in tal modo supplendo alle funzioni che altrimenti spetterebbero al notaio o all’Agenzia delle Entrate mediante il servizio di registrazione.

La Data Certa ha lo scopo di rendere opponibile un documento ad eventuali controinteressati, a dare la certezza del giorno in cui un determinato atto è stato firmato, a supportare le difese del contribuente nei confronti del fisco, a dare certezza ai rapporti contrattuali tra i privati cittadini, ecc. Essa, infatti, consiste nella prova della formazione di un documento in un determinato arco temporale o, comunque, nella prova della sua esistenza anteriormente ad uno specifico evento o una specifica data.

 Sino al 31 marzo 2016 ,era possibile ottenere la data certa recandosi in un qualsiasi ufficio postale che provvedeva all’apposizione di un timbro.
Bastava che ,prima di recarsi all’ufficio postale, l’interessato realizzasse   il documento in un corpo unico (ovvero doveva essere stampato e rilegato in un modo che non permettesse l’aggiunta o la rimozione di pagine) e sulla prima pagina veniva apposta la dicitura “Si richiede l’apposizione del timbro per la data certa”, seguita da data e firma.

Insieme alla Data Certa è tramontato anche un altro storico servizio di Poste Italiane: il timbro postale che l’ufficio apponeva sulla busta da lettere, in caso di posta ordinaria o di raccomandate, all’atto della consegna al destinatario. Oggi tutto avviene telematicamente, attraverso un palmare portatile, dotato di un display sul quale il destinatario del plico mette una firma con una penna ottica (leggi: “Il timbro del postino con la data non c’è più”). Il postino poi gli rilascia uno scontrino cartaceo su richiesta.

 

Pertanto,  ora, chi voglia fornire di data certa un documento, potrà affrancarlo regolarmente e spedirlo a sé medesimo, in modo tale che sulla busta venga apposta comunque il codice a barre dal quale è possibile risalire alla data di spedizione, anche mediante il servizio internet offerto da Poste Italiane “Dove Quando”. Si consiglia, a tal fine, onde evitare facili contestazioni, di effettuare la spedizione tramite raccomandata senza busta (leggi “Come spedire una raccomandata senza busta”).

Molto più facile è ricorrere alla PEC, la posta elettronica certificata che garantisce anch’essa data certa.

Diversamente è possibile l’apposizione della cosiddetta marca temporale sui documenti informatici: il sistema basa la propria modalità di certificazione della marca temporale su un procedimento informatico regolamentato dalla legge, che permette di attribuire ad un oggetto digitale o documento informatico una data ed un orario in modo certo ed opponibile a terzi. La marca temporale può essere anche associata alla firma digitale.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: