PROVINCIA DI BOLZANO:NON PAGA SANZIONI AZIENDA CHE SANA ILLECITO

 Riguardo a quanto previsto nel titolo,si richiama l’attenzione sulla  Legge provinciale 24 maggio 2016, n. 10,approvata dalla Provincia autonoma di Bolzano e pubblicata  nel supplemtento n. 3 del B.U.  31 maggio 2016, n. 22,concernente

“Modifiche di leggi provinciali in materia di salute, edilizia abitativa agevolata, politiche sociali, lavoro e pari opportunità”

 

In particolare l’art.17 del predetto provvedimento   ,sotto il titolo

di “Razionalizzazione e semplificazione  dei controlli sulle imprese

” ,recita:

(1) La Giunta provinciale adotta, con deliberazione da pubblicarsi sul Bollettino ufficiale della Regione e sul sito istituzionale della Provincia, apposite direttive per lo svolgimento dei controlli sulle imprese sentito il Comitato Provinciale di Coordinamento per la salute e la sicurezza sul lavoro.

(2) Le direttive sono formulate osservando i seguenti criteri:

  1. proporzionalità dei controlli al rischio inerente all’attività controllata e dei connessi adempimenti amministrativi, evitando doppioni e sovrapposizioni e recando il minore intralcio possibile al normale esercizio delle attività dell’impresa;
  2. razionalizzazione dei controlli sulle imprese e dei controlli d’ufficio anche tramite accessi a banche dati di altri enti;
  3. progressiva informatizzazione degli adempimenti e delle procedure amministrative;
  4. approccio collaborativo del personale, in considerazione delle proprie responsabilità, collaborazione con le associazioni di categoria dei datori di lavoro e delle organizzazioni sindacali dei lavoratori per prevenire rischi e situazioni di irregolarità.

(3) Con regolamento di esecuzione sono individuate le ipotesi di violazioni amministrative che non danno luogo a danni irreversibili e per le quali, in caso di accertamento di una violazione, vengono emesse le prescrizioni di adeguamento con il relativo termine di adeguamento, per assicurare il rispetto delle norme violate e per le quali l’irrogazione della sanzione amministrativa è condizionata all’inosservanza, anche parziale, delle prescrizioni.”

Pertanto ,si dispone che sara’emanato uno speciofico regolamento violazioni amministrative per cui ,in caspo di sccertamento di violaszionin,siano emesse prescrizioni di adeguamento da parte degli ispettori operanti nel territorio provinciale ,assegnando un termine per sanare l’irregolarita’ ,la cui   ottemperanza esclude ulteriori conseguenze sanzionatorie a carico dell’impresa.

La predetta legge, che favorisce le aziende che operano in Alto Adige ,determinando meno vincoli e previsioni di costo e spese per il lavoro , sta suscitando  reazioni e critiche e viene ritenuta essere in contrasto con la competenza esclusiva statale in  materia di ordinamento civile ,quale quella sui controlli sulle imprese

Inoltre ,si  sottolinea    che la legge  e’  in contrasto aperto con la sentenza della Consulta n.19/2014,secondo cui :”Questa Corte ha chiarito, con un ragionamento valevole anche per le Regioni ad autonomia speciale (sentenza n. 337 del 2009), che, con riferimento alla responsabilità amministrativa e contabile, nessuna fonte regionale potrebbe introdurre nuove cause di esenzione dalla responsabilità penale, civile o amministrativa, trattandosi di materia non disciplinata dagli statuti di autonomia speciale e riservata alla competenza esclusiva del legislatore statale, ai sensi dell’art. 117, secondo comma, lettera l), Cost. ”

Si aggiunge altresi’ che la legge in parola potrebbe costringere a complicati equilibrismi  anche   organismi di carattere nazionale come Inps ed Inail,che sono comunque competenti a contestare  illeciti amministrativi sul lavoro ed ad irrogare sanzioni pure in tale ambito territoriale ,per non parlare dello smacco che si determinerebbe   in materia di controlli sul lavoro   affidati al dec,.legvo n.149/15 alla Ispettorato Nazionale del Lavoro  ,. messi in dubbio prima di iniziare ad operare.

Si tratta di aspetare e vedere  quale sara’ il comportamento delle autorita’ governative centrali rispetto alle previsioni della legge provinciale e della ingiustificata alterazione   sulla             concorrenza produttiva in favore   delle re   alta’aziendali  operanti  in provincia di Bolzano

.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: