CASSAZIONE:SENTENZA RIGUARDANTE RISULTANZE ACCERTAMENTO ISPETTIVO

Si richiama l’attenzione sulla sottostanze sentenza emessa nel giudizio in cui si controverte dell’opposizione a cartella esattoriale da parte di C.A. in relazione ai contributi evasi ed alle relative sanzioni civili riguardanti la lavoratrice P.S. per il periodo gennaio 2001 – settembre 2004.

Secondo l’Inps quest’ultima era stata inquadrata dal C. come collaboratrice anziché come dipendente ed il medesimo si era visto rigettare l’opposizione di cui sopra in entrambi i gradi del giudizio di merito

 nella fattispecie la Corte d’appello ha motivato in maniera adeguata ed esente da vizi di natura logico-giuridica il proprio convincimento sulla ravvisata natura subordinata del rapporto lavorativo posto a base della pretesa contributiva oggetto di causa, allorquando ha dato rilievo preponderante alla genuinità delle dichiarazioni rese in sede ispettiva nell’immediatezza dei fatti, dalle quali era emerso che la P. lavorava da circa quattro anni alle dipendenze del C. svolgendo le mansioni di commessa.

Al contrario apparivano meno plausibili, secondo la stessa Corte, le dichiarazioni rese dalla P. in qualità di teste, in quanto la medesima, modificando la precedente versione dei fatti aveva, dapprima, dichiarato di aver lavorato solo come vetrinista nell’arco di tempo intercorso dal mese di gennaio del 2001 a quello di settembre del 2004 per aggiungere, poi, di aver lavorato solo successivamente come commessa. Inoltre, la Corte ha tratto un ulteriore elemento di convincimento della natura subordinata del rapporto in esame dal fatto che le modalità di pagamento dei compensi apparivano più conformi ad un rapporto di lavoro subordinato, stante la previsione della corresponsione di quattordici mensilità e di una indennità di fine rapporto.

In definitiva, la motivazione dell’impugnata sentenza regge alle censure di parte ricorrente e sfugge ai rilievi di legittimità, per cui il ricorso va rigettato.

———————————————————————————————————–
CORTE DI CASSAZIONE – Sentenza 01 giugno 2016, n. 11411

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: