SENTENZA CASSAZIONE RIGUARDANTE COMPORTO E ASPETTATIVA NON RETRIBUITA

Con sentenza n. 6697/2016, la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento per superamento del periodo di comporto anche se avvenuta successivamente alla richiesta, e ottenimento, da parte del lavoratore, di un periodo di aspettativa non retribuita.

I giudici della Suprema Corte hanno ritenuto che la concessione del periodo di aspettativa non retribuita, da parte del datore di lavoro, anche se avvenuta dopo la conclusione del periodo di comporto, non implica una tacita prosecuzione del rapporto di lavoro ed una rinuncia al recesso per il suo superamento, ma solo un trattamento di miglior favore accordato.

La stessa Corte di Cassazione, in una recente sentenza (12233/13) ha evidenziato come debbano essere “dilatati” i limiti temporali per poter procedere al licenziamento per superamento del comporto sino a ricomprendere la durata dell’eventuale aspettativa richiesta dal lavoratore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: