CAMBIO APPALTO SENZA TRASFERIMENTO AZIENDA

 

Martedì 10 maggio l’Assemblea ha approvato, con modifiche, il ddl n. 2228, legge europea 2015; licenziate anche due risoluzioni della 14a Commissione sulle priorità dell’Unione europea per il 2016 e sulla relazione consuntiva sulla partecipazione dell’Italia all’Unione europea per l’anno 2015 (Doc. XXIV, n. 56 e n. 59). I testi passano alla Camera dei deputati.

La legge Europea  2015-2016 sul cambio d’appalto chiarisce alcuni elementi che escludono il trasferimento di ramo d’azienda, con tutte le conseguenze che questo comporta sul fronte dei diritti dei lavoratori , posto che essa  riscrive l’articolo 29, comma 3, del Dlgs 276/2003. ,   puntando  a differenziare il cambio d’appalto dal trasferimento d’azienda.

«l’acquisizione del personale già impiegato nell’appalto a seguito di subentro di nuovo appaltatore dotato di propria struttura organizzativa e operativa, in forza di legge, di contratto collettivo nazionale di lavoro, o di clausola del contratto d’appalto, ove siano presenti elementi di discontinuità che determinano una specifica identità di impresa, non costituisce trasferimento d’azienda o di parte d’azienda».

In pratica, rispetto alla precedente norma, si introducono il riferimento alla propria struttura organizzativa e operativa del nuovo appaltatore, e agli elementi di discontinuità che determinano una specifica identità d’impresa. In parole molto semplici, quando avviene un cambio d’appalto e il personale che era già impiegato viene assorbito dal nuovo appaltatore, nel rispetto delle leggi e dei contratti, nel caso in cui il nuovo appaltatore abbia una propria struttura organizzativa e operativa, e ci siano elementi di discontinuità che determinano specifica identità d’impresa, non si applica la norma sul trasferimento di azienda o di ramo d’azienda

La differenziazione fra i due istituti comporta per il cambio d’appalto meno obblighi, e procedure più veloci, rispetto alla disciplia prevista dal codice civile per il trasferimento d’azienda (in base alla quale ci sono una serie di paletti rigidi, anche relativi alle procedure sindacali). Secondo una serie di esperti, intervistati dal Sole 24 Ore, la nuova legge rischia di dar luogo a diverse interpretazioni. 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: