CASSAZIONE:COMMETTE REATO ESTORSIONE SIMULARE CONTRATO LAVORO

Con sentenza n. 18727 del 5 maggio 2016, la Corte di Cassazione penale ha affermato che commette il reato di estorsione il datore di lavoro che fa sottoscrivere un contratto ad orario parziale (con una utilizzazione continua dei lavoratori con orario superiore), con minacce in caso di rifiuto, con la costrizione a firmare dimissioni in bianco ed a dichiarare il falso a fronte di una visita ispettiva.

Nel caso di specie, assume la Suprema Corte, il potere di autodeterminazione della vittima è fortemente limitato ed il comportamento del datore di lavoro deve essere ritenuto fortemente ricattatorio e genericamente estorsivo. La sussistenza del reato nel caso concreto va rapportata al contesto globale (la vicenda si è svolta in Sicilia ove sussiste pur sempre una carenza di posti di lavoro in relazione alla offerta) e di conseguenza, la volontà dei lavoratori non era espressa in maniera assolutamente libera.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: