SENTENZA CASSAZIONE RELATIVA ALIUNDE PERCEPTUM PER LICENZIAMENTO

Con sentenza n. 7685 del 18 aprile 2016 , la Corte di Cassazione ha affermato che nella misura del risarcimento dovuto in caso di reintegra per licenziamento illegittimo non può essere detratto, quale “aliunde perceptum“, ciò che lo stesso aveva continuato a percepire in forza di un’altra attività prestata prima del verificarsi del recesso, in quanto la compensazione, sulla scorta del principio civilistico della “compensatio  lucri cum danno“, deve essere ricollegato al fatto illecito, mentre ciò non si verifica nel caso in cui il vantaggio derivi da un titolo diverso (nel caso di specie, l’attività era iniziata prima ed è continuata dopo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: