CASSAZIONE:DIRITTO A PENSIONE E CONTINUITA’ LAVORATIVA

Con sentenza n. Sentenza 15 marzo 2016, n. 5052, la Corte di Cassazione ha ribadito che elemento costitutivo del diritto alla pensione di anzianità sia, non solo, il raggiungimento del requisito soggettivo relativo all’anzianità di iscrizione assicurativa e contributiva, ma anche la cessazione dell’attività lavorativa.

I giudici della Suprema Corte hanno evidenziato come non si acquisisce il diritto alla pensione qualora vi sia una continuità di prestazione lavorativa. In pratica, non sia presente una inoccupazione al momento della domanda di pensione di anzianità.

La decisione da continuità alla giurisprudenza di legittimità (cfr. Cass. n. 16789/14; Cass. n. 4480/2013; Cass. n. 4898/2012; Cass. n. 11935/04; Cass. n. 6571/02; Cass. n. 6693/96; Cass. n. 5965/84) secondo cui, ai sensi dell’art. 22 della legge n. 153 del 1969, la cessazione dell’attività lavorativa costituisce – ai pari del requisito del trentacinque anni di iscrizione assicurativa e del requisito contributivo – un elemento costitutivo del diritto alla pensione di anzianità.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: