CORTE COSTITUZIONALE DICHIARA ILLEGITTIMO DIVIETO ASSUNZIONI PP.AA. PER RITARDATO PAGAMENTO CREDITORI

L’ articolo 41, comma 2, del D.L. n. 66/2014 ,convertito nella Legge 23 giugno 2014, n. 89nei casi accertati di pagamento oltre i termini di cui all’art. 4 del   decreto legislativo n.231/2002 (con ritardi, rispetto a tali termini, superiori a 90 gg. nel 2014, e a 60 gg. a decorrere dal 2015), ha  previsto  per le pubbliche amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2, del decreto legislativo n. 165/2001, ad esclusione degli enti del Servizio Sanitario Nazionale, nell’anno successivo a quello di riferimento, di non non poter  procedere alle assunzioni di personale a qualsiasi titolo, con qualsivoglia tipologia contrattuale, ivi compresi i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa e di somministrazione, anche con riferimento ai processi di stabilizzazione in atto, né stipulare contratti di servizio con soggetti privati che si configurino come elusivi della disposizione  .

Nei riguardi della predete disposizione ,su ricorso della Regione Veneto e’ intervenuta la Corte Costituzionale  con la sentenza n.272/2015 ,dichiarando illegittimo il predetto art.41,comma 2, d.legge n.66/2014  , posto che dispone su materia di competenza   delle regioni

———————————————————————–

Sentenza Corte Costituzionale 272/2015

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: