MLPS:CHIARIMENTI IN MATERIA DI LSU

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha emanato la circolare n. 35 del 28 dicembre 2015 con la quale vengono fornite alcune precisazioni circa la disciplina attualmente applicabile ai lavoratori socialmente utili del c.d. bacino nazionale a carico del Fondo sociale per occupazione e formazione.ù

Pur essendo i chiarimenti  della  circolare in questione espressamenbte diretti ai progetti Lsu di cui all’art.2 ,comma 1 ,del dec.legvo n.81/2000,che peraltro cnon riguardano la regione Abruzzo ,si  ritiene che per analogia gli stessi siano applicabili anche ai lavorio socialmente utili oggetto delle nuove disposizioni di cui all’art.26 del dec.legvo n,150/15 e ss.mm.ii. con specifico riferimento alle conseguenze a carico dei lavoratori che rifiutino o frequentino in modo irregolare  le attivita’ di pubblica utilita’  svolte dalle pp.aa. cui risultino assegnati.

Intanto ,la circolare nell’ultimo periodo dichiara espressamente che per i lavoratori destinati ai progetti  previsti e realizzati ex art.2,comma 1,dec.legvo n.81/2000 ,in caso di mancata o irregolare frequenza degli stessi ,s’intendono superate le previsioni di cui all’art.9 del dec,.legvo n.468/97 ,ma le norme contenute negli art.7(condizionabilita’) ed 11 (decadenza)del dec.legvo n,22/15 ,inerenti i beneficiari della Naspi.

Detto questo, si ritiene che le suddette previsioni  si potrebbero applicare   in via analogia anche ai lavoratori avviati alle attività di pubblica utilita’ previsti dall’art.7 ed 8 dec.legvo n.468-97,la cui proroga e’ stata disposta trasnsitoriamente in attesa della convenzione con le regione  da parte dell’Anpal.

Si usa il condizionale tenendo conto che , tuttavia,per essere applicabili le previsioni contenute   nei  richiamati artt .7 ed 11 necessitano del decreto MLPS stabilito dal comma 3 dell’art.7 ,secondo cui:”3. Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, da adottare entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sono determinate le condizioni e le modalita’ per l’attuazione della presente disposizione nonche’ le misure conseguenti all’inottemperanza agli obblighi di partecipazione alle azioni di politica attiva di cui al comma 1.”

Per cui ,occorre attendere l’emanazione  del predetto provvedimento ministeriale ,

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: