DA GENNAIO 2015 MODIFICHE DURATA INDENNITA’ MOBILITA’ E INCENTIVI ASSUNZIONI BENEFICIARI MEDESIMA

Riguardo all’argomento  di cui al tiyolo , si ritiene  di   ricordare  in primo luogo la regolamentazione   sulla  durata dell’indennita’ mobilita’, di cui all’art.7 ,commi 1 e 2 della legge n.223/91,su cui sono  previste significative  modifiche  per i licenziamenti collettivi decorrenti dall’1.1.2015
In proposito,fermo restando che la disciplina sull’indennita’ di mobilita’ restera’ vigente sino  a tutto il    2016,si precisa  che per effetto
di dette  modifiche  legislative ,la durata dell’indennita’ di mobilita’  è fissata come segue, con rispettivo riferimento ai   lavoratori dei territori della Casmez  e dei restanti territori del Paese.:
a)  collocati in mobilità nel periodo dal 1º gennaio 2013 al 31 dicembre 2014:
sia per i lavoratori collocati in mobilita’ da imprese operanti nei territori meridionali,che  nei restanti territori del Paese, non  sono  intervenute variazioni di durata, nel senso che per i primi la durata massima  e’ rimasta così  fissata  :24 mesi per i lavoratori con meno di 40 anni di eta’,36 mesi per i lavoratori con meno di 50 anni e 48 mesi per i lavoratori con almeno  50 anni  compiuti; invece, per i secondi la durata sara’ la seguente   : 12 mesi per i lavoratori con meno di 40 anni di eta’, 24 mesi per i lavoratori con meno di 50 anni e   36 mesi per i lavoratori con almeno  50 anni  compiuti
b) collocati in mobilità nel periodo dal 1º gennaio 2015 al 31 dicembre 2015:
-lavoratori dei territori non meridionali :
Dopo modifiche:
12 mesi , elevati  a diciotto per i lavoratori che hanno compiuto i quaranta anni ed a ventiquattro per i lavoratori che hanno compiuto i cinquanta anni;
Prima  modifiche
un periodo massimo di dodici mesi, elevato a ventiquattro per i lavoratori che hanno compiuto i quaranta anni e a trentasei per i lavoratori che hanno compiuto i cinquanta anni
Variazione:  riduzione di  sei mesi  per lavoratori di 40 anni  e di 12 mesi per lavoratori di 50 anni
lavoratori  dei territori meridionali :
Dopo modifiche
dodici mesi, elevati  a ventiquattro per i lavoratori che hanno compiuto i quaranta anni e a trentasei per i lavoratori che hanno compiuto i cinquanta anni;
Prima modifiche
un periodo massimo di ventiquattro mesi, elevato a trentasei per i lavoratori che hanno compiuto i quaranta anni e a quarantotto per i lavoratori che hanno compiuto i cinquanta anni.
Variazione :diminuzione 12 mesi per  tutti i lavoratori
d)   collocati in mobilità nel periodo dal 1º gennaio 2016 al 31 dicembre 2016:
– lavoratori dei territori non meridionali:
Dopo modifiche :
dodici mesi, elevati  a diciotto per i lavoratori che hanno compiuto cinquanta anni;
Prima modifiche
un periodo massimo di  dodici mesi , elevato a 24 per i lavoratori che hanno compiuto i quaranta anni e a  36 per i lavoratori che hanno compiuto i cinquanta anni
Variazione:diminuzione  12 mesi per lavoratori  conn almeno quaranta anni  e di 18 mesi per i lavoratori  con almeno 50 anni d’eta’
lavoratori  dei territori meridionali:
Dopo  modifiche:
dodici mesi per i lavoratori al di sotto di 40 anni d’eta’, elevati   a diciotto per i lavoratori che hanno compiuto i quaranta anni ed a ventiquattro per i lavoratori che hanno compiuto i cinquanta anni.
Prima modifiche  
un periodo massimo di ventiquattro mes per lavoratori con meno di 40 anni , elevato a trentasei per i lavoratori che hanno compiuto i quaranta anni e a quarantotto per i lavoratori che hanno compiuto i cinquanta anni
Variazione:diminuzione di 12 mesi per lavoratori di meno di 40 anni,di 18 mesi per lavoratori  di  40 anni e di 24 ,mesi per i lavoratori di  almeno 50 anni.
 In secondo luogo, si   precisano  le agevolazioni che spettano ai datori lavoro che assumono  i titolari  dell’indennita’ di mobilita’ ,così come   fissati  dagli artt.8,commi 2 e 4 ,e  25  ,comma 2 ,della  legge n.223/91:
 a ) I   lavoratori in mobilità  possono venir assunti con contratto a tempo  determinato non superiore a 12 mesi  ,  consentendo  al datore di lavoro di usufruire della    contribuzione  di sua spettanza  in misura pari a quella      degli   apprendisti ,nonchè , in caso di trasformazione  del rapporto  a tempo indeterminato nel corso del suo svolgimento , il riconoscimento  di detto beneficio per ulteriori dodici mesi ;
b) Al datore di lavoro che senza esservi tenuto  , in relazione al diritto di precedenza     riconosciuto  per sei mesi ai lavoratori  licenziati per riduzione di personale  ,  assume a tempo pieno ed indeterminato  ovvero trasforma a tempo pieno ed  indeterminato  i contratti a termine  dei lavoratori iscritti in lista di mobilità e beneficiari della relativa indennità   è riconosciuto ,oltre la riduzione per 18 ovvero 12 mesi dell ‘aliquota  contributiva  di spettanza  nella misura prevista per gli apprendisti  , anche , per ogni mensilità di  retribuzione corrisposta al lavoratore,  un contributo mensile pari al  50 % dell’indennità di mobilità che sarebbe  spettata all’assunto per un periodo  non superiore a 12 mesi ,che salgono    a  24 ovvero  a 36 mesi per datori di lavoro operanti   nelle  aree meridionali  ( Abruzzo compreso ),  se  trattasi  di   lavoratori d’età superiore a cinquant’anni   all’atto dell’assunzione  ;c)   I   benefici contributivi ed economici di cui alle lettere  a) e b) ad avviso del Ministero del Lavoro,che in tal senso si è pronunciato nella  nota n.25/1 /0001564 del 13.7.06  , in risposta   a corrispondente interpello ex art 9 dec.legvo n.124/04, spettano anche  alle aziende che riassumono i lavoratori posti  in mobilità,   trascorsi sei mesi dal licenziamento.d )Il  contributo economico   di cui alla precedente lettera  b) ( ved.  circolare Inps n.252 del 30.10.92)  spetta dal giorno dell’assunzione  o della trasformazione del rapporto a tempo pieno ed indeterminato  e cessa nel giorno del corrispondente anno  di scadenza ,precedente a quello di inizio dell’erogazione ,mentre ,scaduto l’arco temporale di spettanza , il contributo cessa di essere corrisposto, anche se non è stato interamente usufruito a causa di periodi a qualsiasi titolo non retribuiti.Il beneficio  in questione non può comunque superare la durata dell’indennità di mobilità che sarebbe ancora spettata al lavoratore che viene assunto, durata da determinarsi di volta in volta con riferimento alla decorrenza iniziale dell’indennità stessa, detraendo i periodi di cui l’interessato ha già usufruito all’atto dell’assunzione e tenendo presente, tra l’altro, che il diritto dell’azienda a percepire il contributo cessa in ogni caso – in applicazione dell’art. 7, 3° comma, della legge n. 223/1991 – dalla data in cui il lavoratore   percepisce   la pensione di vecchiaia.Infine si fa notare che l’ azienda che ritiene di avere titolo a beneficiare del contributo stabilito dall’art. 8, 4° comma, deve inoltrare per ciascun lavoratore, all’ufficio riscossione contributi della sede inps presso la quale effettua gli adempimenti contributivi, apposita domanda utilizzando il modello allegato alla citata circolare  .Infine ,risulta  consono  riportarsi ai  commi da 12 a 14 dell’art.4 della legge n.92/12  in cui risulta   stabilito che  per  garantire un’omogenea applicazione degli incentivi all’assunzione, ivi compresi quelli previsti   dagli articoli 8, commi 2 e 4, e 25, comma 9, della legge 23 luglio 1991, n. 223, si  applicano i seguenti princìpi:a) gli incentivi non spettano se l’assunzione costituisce attuazione di un obbligo preesistente, stabilito da norme di legge o della contrattazione collettiva,restando inteso che  gli incentivi sono esclusi anche nel caso in cui il lavoratore avente diritto all’assunzione viene utilizzato mediante contratto di somministrazione;b) gli incentivi non spettano se l’assunzione viola il diritto di precedenza, stabilito dalla legge o dal contratto collettivo, alla riassunzione di un altro lavoratore licenziato da un rapporto a tempo indeterminato o cessato da un rapporto a termine e detta esclusione opera   anche nel caso in cui, prima dell’utilizzo di un lavoratore mediante contratto di somministrazione, l’utilizzatore non abbia preventivamente offerto la riassunzione al lavoratore titolare di un diritto di precedenza per essere stato precedentemente licenziato da un rapporto a tempo indeterminato o cessato da un rapporto a termine;

c) gli incentivi non spettano se il datore di lavoro o l’utilizzatore con contratto di somministrazione abbiano in atto sospensioni dal lavoro connesse ad una crisi o riorganizzazione aziendale, salvi i casi in cui l’assunzione, la trasformazione o la somministrazione siano finalizzate all’acquisizione di professionalità sostanzialmente diverse da quelle dei lavoratori sospesi oppure siano effettuate presso una diversa unità produttiva;

d) gli incentivi non spettano con riferimento a quei lavoratori che siano stati licenziati, nei sei mesi precedenti, da parte di un datore di lavoro che, al momento del licenziamento, presenti assetti proprietari sostanzialmente coincidenti con quelli del datore di lavoro che assume ovvero risulti con quest’ultimo in rapporto di collegamento o controllo (Sent.Cassazione n.16288 dell’16.7.2011 ed art.2539 cc),fermo restando che , in caso di somministrazione, tale condizione si applica anche all’utilizzatore.

Dopo  quanto sopra ,si completa il quadro   di regolamentazione  degli  incentivi per l’assunzione dei lavoratori beneficiari dell’indennita’ di mobilita’ richiamando  la circolare Inps n.137 del 12 .12.2012,che  al riguardo recita quanto segue ,anche in previsione che dall’1 gennaio 2017  la  legge 92/2012 abroga la possibilità di iscrizione nelle liste di mobilità  e che , a decorrere dalla stessa data, sono altresì espressamente abrogate le disposizioni che prevedono incentivi per l’assunzione dei lavoratori iscritti nelle liste di mobilità(cfr. art . 2, co. 71, l. 92/2012),fornendo al riguardo le seguenti precisazioni:

1) Gli incentivi attualmente in vigore saranno applicati alle assunzioni, trasformazioni o proroghe
che dovessero essere effettuate fino al 31 dicembre 2016; ad esempio, non spetterà
l’incentivo per un’assunzione intervenuta il primo gennaio 2017, anche se il lavoratore sarà
stato iscritto nelle liste di mobilità il 27 dicembre 2016 ovvero anche se il lavoratore rimarrà
titolare dell’indennità di mobilità per un determinato periodo oltre il 31 dicembre 2016.
2)Alle assunzioni, proroghe e trasformazioni che dovessero intervenire entro il 31 dicembre 2016
spetterà l’incentivo per la durata prevista dalle disposizioni abrogate, anche se l’incentivo
dovesse scadere successivamente alla suddetta data; ad esempio, se il datore di lavoro
assume il primo ottobre 2016 a tempo determinato per sei mesi un lavoratore iscritto nelle
liste di mobilità, avrà diritto all’incentivo fino a marzo 2017; all’eventuale proroga del rapporto
non potrà però più applicarsi l’incentivo previsto dalla disposizione abrogata.
 La   previsione  esplicitata dall’Inps nella circolare n.137/2012 circa  il mantenimento per  la durata prevista dalle disposizioni abrogate    dell’agevolazione contributiva   a favore di  chi al 31 dicembre 2016 sara’ stato assunto ai sensi della legge n.223/91 ,suscita  perplessità se posta a confronto con quanto disposto dall’Istituto per l’agevolazione della così detta “piccola mobilita’ “,in merito alla  quale  è stata adottata un’interèrestazione opposta,facendo cessare l’agevolazione al 31.12.2012 ,a seguito dellaege di stabilita’ n.228/132 ,che,come e’ risaputo ,non ha più previsto per il 2013 la possibilita’ d’iscrizione nelle liste di mobilita’ deio lavoratori licenziati per giustificato motivo oggettivo da aziende  con meno di 15 dipendenti.,comportando  il venir meno dell’ agevolazione  contributiva in favore  di coloro che assumevano  tali òlavoratori iscritti in lista della “piccola mobiolita”,come l’agevolazione di cui all’art.8 ,comma 2,della legge  n.223/91,applicabile ai ai licenziati da imprese con piu’ di 15 lavoratori sino al 31 dicembre 2016.
L’Inps,a diffetrenza di quanto previsto nella circolare sopra esposta n.137/12 ,nel Messaggio  n.4679 del 18 marzo 2013  ha dato un’interpretazione riduttiva  aòlla disposizione ,ritenendo decadute al 31.12 2012 le agevolazioni contributive della “piccola mobilita’ ” pure per i rapporti instaurati coni lavoratori  nenzionati nel 2012,dichiarando ne predetto   Messaggio che, in attesa dei necessari chiarimenti da parte del Ministero del lavoro , i benefici contributivi sono sospesi:

  • per le assunzioni effettuate nel 2013 di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità prima del 2013
  • per le proroghe e le trasformazioni a tempo indeterminato effettuate nel 2013 di rapporti agevolati instaurati nel 2012
  • per le assunzioni effettuate nel  2013 di lavoratori licenziati nel 2013.
  • AL suddetto ha fatto seguito quello n.2889/2014 con cui l’Itituto ha dispposto in proposito che:”le note di rettifiche relative alle denunce contributive con periodo di competenza agosto 2013 – maggio 2014 saranno spedite il 15.09.2014″ e pertsanto le aziemndfe si vedram+ènno richioedere la restituzione di agevolazioni richieste ed ottenutev per rapporti di lacvìvori instsaurasri nel 2012  pari a 12 mesi (a termine) ovvero a 18 mesi (a tempo indeterminato) ,alcuni  costituiti ancora priva della lege n.228/12,violando sì oil principio secpondo cui la legge non  dispone che  per l’avvenire .
,.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: