Dopo  circa    due mesi dalla partenza del progetto ‘Garanzia Giovani’,  sponsorizzato dall’Unione Europea con   un Fondo di 1,5 miliardi di euro messi a disposizione dall’Unione Europea   dello Stato italiano, il Ministro del Lavoro  ha fatto il punto  sullo  stato di avanzameto del progetto in  questione ,precisando che , a fronte dei quasi 90mila giovani (di età compresa tra i 15 e i 29 anni) che si sono iscritti al progetto,   sono circa   600 i posti di lavoro  resi disponibili da  87 imprese,che si sono dichiarate  interessate  hanno abbracciato l’iniziativa.

  Tali dati oggettivamente ,al momento , per comune ammissione  degli esperti istituzionali ed estermi   sono assolutamente  assai diversi e lontani   da quelli previsti e fanno temere   ,che in questa maniera soltanto  solo 8000 giovani riusciranno a  conseguire  un impiego nell’arco dei prossimi due anni.

Per quanto riguarda la regione Abruzzo ,si segnala che il Progetto garanzia Giovani e’ stato uno dei primi argomenti presi in considerazione dall  nuovo assessore al lavoro regionale .Infatti in data odierna  sul programma di intervento “Garanzia giovani”, l’assessore al Lavoro e al sociale,  ha incontrato le diverse sigle sindacali per un breve incontro illustrativo sull’attività svolta dagli uffici tecnici nel periodo di fine legislatura in merito al Programma di Intervento Nazionale che riguarda i giovani under 29. Durante l’incontro, le Organizzazioni sindacali hanno apprezzato l’orientamento dell’assessore  di anticipare l’esecutività delle singole azioni di “Garanzia Giovani”, ricorrendo a risorse già disponibili grazie a fondi ministeriali e comunitari compatibili con l’iniziativa e hanno dichiarato, su richiesta dell’Assessore, la loro disponibilità a redigere un protocollo d’intesa, atto a garantire l’attività di accoglienza e informazione e dare quindi massima risonanza al Programma. L’assessore   ha espresso la volontà di continuare il lavoro iniziato con le sigle sindacali ed incontrare in tempi brevi tutte le parti sociali interessate dal Programma per condividere nel merito e nelle procedure il contenuto del Piano Esecutivo Regionale di “Garanzia Giovani.