LEGGE OCCUPAZIONE :MODIFICHE DISCIPLINA RESPONSABILITA’ SOLIDALE APPALTI

L’argomento di cui al titolo è trattato dall’ art 9 del  decreto legge n.76/2013  ,in vigore dal 28 giugno econvertito senza variazioni dalla legge n.99/13.

Il comma 1  del predetto artiocola prevede   una specifica aggiunta  all ‘ articolo 29, comma 2, del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276 e s m i ,secondo cui:

“2.Salvo diversa disposizione dei contratti collettivi
nazionali sottoscritti da associazioni dei datori
di lavoro e
dei lavoratori comparativamente piu` rappresentative
del settore che possono individuare metodi e
procedure di controllo e di verifica della
regolarita` complessiva degli appalti,
in caso di appalto di opere o
di servizi, il committente imprenditore o datore di
lavoro e’ obbligato in solido con l’appaltatore,
nonche’ con ciascuno degli eventuali subappaltatori
entro il limite di due anni dalla cessazione
dell’appalto, a corrispondere ai lavoratori
i trattamenti retributivi, comprese le quote di
trattamento di finerapporto, nonche’ i contributi previdenziali e
i premi assicurativi dovuti in relazione al periodo di
esecuzione del contratto di appalto, restando escluso
qualsiasi obbligo per le sanzioni civili di cui risponde
solo il responsabile dell’inadempimento..Il committente imprenditore o datore di lavoro e`

convenuto in giudizio per il pagamento unitamente

all’appaltatore e con gli eventuali ulteriorisubappaltatori.

Il committente imprenditore o datore di lavoro puo`
eccepire, nella prima difesa, il beneficio della preventiva
escussione del patrimonio dell’appaltatore medesimo
e degli eventuali subappaltatori. In tal caso il giudice
accerta la responsabilita` solidale di tutti gli ob
bligati, ma l’azione esecutiva puo` essere intentat
a neiconfronti del committente imprenditore o datore di
lavoro solo dopo l’infruttuosa escussione del patrimonio
dell’appaltatore e degli eventuali subappaltatori.
Il committente che ha eseguito il pagamento puo` esercitare
l’azione di regresso nei confronti del coobbligato
secondo le regole generali.”  -.
L’aggiunta normativa  introdotta   stabilisce   che le disposizioni dell’art.29 ,comma 2,dal 29 .6.20913 trovano applicazione anche in relazione ai compensi e agli obblighi di natura previdenziale e assicurativa nei confronti dei lavoratori con contratto di lavoro autonomo (di qualsiasi tipo) mentre  le medesime disposizioni non trovano applicazione in relazione ai contratti di appalto stipulati dalle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.165.
 Si evidenzia che l’estensione della responsabilita’ di cui sopra è stata anticipata   in via amministrativa dal Ministero del Lavoro con la circolare n. 5/2011 e dall’INPS con la circolare n. 106/2012
Infine ,si fa presente che nell’ultimo  periodo della disposizione  che ha esteso la responsabilita’ solidale ai lavoratori autonomi impegnati negli appalti privati   rimarca che le disposizioni dei contratti collettivi di cui  al comma 2 dell’art.29 del dec,legvo 276/03 e smihanno effetto esclusivamente in relazione aitrattamenti retributivi dovuti ai lavoratori impiegati nell’appalto ,mentre è  escluso   qualsiasi effetto in relazione ai contributi previdenziali e assicurativi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: