CIRCOLARE INPS SU ASPETTI CARATTERE CONTRIBUTIVO ASPI.

Tra le novita’ introdotte dalla riforma  di cui alla legge n.92/2012 , che entra in   vigore dal 18 luglio corrente,figura ,in materia di ammortizzatori sociali ,l’Assicurazione Sociale per l’Impiego -ASPI ,d e la Mini ASpi ,di cui di  seguito si evidenziano gli aspetti  significati e rilevanti previsti  dalla  corrispondente  regolamentazione ,   contenuta nell’art.2 ,commi da 1 a  30,,da36 a 38e da 40 a 45 della suddetta legge   ,ferma restando la previsione del comma 44 del citato art.2 ,in cui si stabilsce :”In relazione ai casi di cessazione dalla precedente occupazione intervenuti fino al 31 dicembre 2012, si applicano le disposizioni in materia di indennita’ di disoccupazione ordinaria non agricola di cui all’articolo 19 del regio decreto-legge 14 aprile 1939, n. 636, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 luglio 1939, n. 1272, e successive modificazioni”

1.ASSICURAZIONE SOCIALE PER L’IMPIEGO-ASPI

Come è noto, dall’art.24 della legge n.88/89  , a  decorrere dal 1› gennaio 1989, le gestioni  per  l’assicurazione contro la disoccupazione  involontaria,  ivi  compreso  il  Fondo  di garanzia per il trattamento di fine rapporto  e  per  l’assicurazione contro la turbercolosi, la cassa per  l’integrazione  guadagni  degli operai dell’industria,  la  cassa  per  l’integrazione  guadagni  dei lavoratori dell’edilizia, la cassa per  l’integrazione  salariale  ai lavoratori agricoli, la cassa unica per  gli  assegni  familiari,  la cassa per il trattamento di richiamo alle  armi  degli  impiegati  ed operai privati, la gestione per i trattamenti economici  di  malattia di cui all’articolo 74 della legge 23 dicembre 1978, n. 833, il Fondo per  il   rimpatrio   dei   lavoratori   extra-comunitari   istituito dall’articolo 13 della legge 30 dicembre 1986, n. 943, ed ogni  altra forma di previdenza a carattere temporaneo  diversa  dalle  pensioni, sono  state fuse in una  unica  gestione,  assumendo la   denominazione  di “Gestione prestazioni temporanee ai lavoratori  dipendenti” ,che provvede  all’erogazione  delle relative prestazioni.

Premessso  quanto  sopra e precisato  che   ai casi di cessazione dalla precedente occupazione intervenuti fino al 31 dicembre 2012, si applicano le disposizioni in materia di indennità di disoccupazione ordinaria non agricola di cui all’articolo 19 del regio decreto-legge 14 aprile 1939, n. 636, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 luglio 1939, n. 1272, e successive modificazioni. , si fa presente che per i nuovi eventi di disoccupazione verificatisi a decorrere dal 1° gennaio 2013 ,risulta istituita , presso la predetta Gestione prestazioni temporanee ai lavoratori dipendenti,  , l’Assicurazione sociale per l’impiego (ASpI), con la funzione di fornire ai lavoratori che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione un’indennità mensile di disoccupazione.

Soggetti cui si applica l’Aspi

Destinatari   sono tutti i lavoratori dipendenti,  compresi gli apprendisti e i soci lavoratori di cooperativa che abbiano stabilito, con la propria adesione o successivamente all’instaurazione del rapporto associativo, un rapporto di lavoro in forma subordinata, ai sensi dell’articolo 1, comma 3, della legge 3 aprile 2001, n. 142, e successive modificazioni.

Soggetti   cui non si applica  l’Aspi

Le disposizioni relative all’Aspi non si applicano  :

1) aidipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni.,vale a dire: tutte le amministrazioni dello Stato, ivi compresi gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative, le aziende ed amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo, le Regioni, le Province, i Comuni, le Comunità montane, e loro consorzi e associazioni, le istituzioni universitarie, gli Istituti autonomi case popolari, le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e loro associazioni, tutti gli enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali, le amministrazioni, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale, l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (ARAN) e le Agenzie di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300.;

2) agli operai agricoli a tempo determinato o indeterminato, per i quali trovano applicazione le norme di cui all’articolo 7, comma 1, del decreto-legge 21 marzo 1988, n. 86, convertito, con modificazioni, dalla legge 20 maggio 1988, n. 160, e successive modificazioni, all’articolo 25 della legge 8 agosto 1972, n. 457, all’articolo 7 della legge 16 febbraio 1977, n. 37, e all’articolo 1 della legge 24 dicembre 2007, n. 247, e successive modificazioni.

Condizioni e requisiti  per  conseguire l’ Aspi

Condizione per  ottenere l’ indennità   è  che i    lavoratori   compresi  abbiano perduto involontariamente la propria occupazione, essendo in possesso dei seguenti requisiti:

a) siano in stato di disoccupazione, ai sensi dell’articolo 1, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 181, e successive modificazioni, da cui risulta definita “la condizione del soggetto privo di lavoro, che sia immediatamente disponibile allo svolgimento ed alla ricerca di una attivita’ lavorativa secondo modalita’ definite con i servizi competenti”;

b) possano far valere almeno due anni di assicurazione e almeno un anno di contribuzione nel biennio precedente l’inizio del periodo di disoccupazione.

Soggetti esclusi fruizione Aspi

Sono esclusi   i lavoratori   cessati dal rapporto di lavoro per dimissioni (senza giusta causa) o per risoluzione consensuale del rapporto, fatti salvi i casi in cui quest’ultima sia intervenuta nell’ambito della procedura di cui all’articolo 7 ,commi da 1 a 7,della legge 15 luglio 1966, n. 604, come modificato dal comma 40 dell’articolo 1  della  legge di riforma n.92/12 ossia attraverso la procedura di conciliazione attivata  ,a seguito di licenziamento individuale ,  avanti la Direzione territoriale del Lavoro competente e definita con verbale di accordo che preveda  la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro .

Importo Aspi

L’indennità  in questione è rapportata alla retribuzione imponibile ai fini previdenziali degli ultimi due anni, comprensiva degli elementi continuativi e non continuativi e delle mensilità aggiuntive, divisa per il numero di settimane di contribuzione e moltiplicata per il numero 4,33.

L’indennità mensile è :

a) pari   al 75% della  retribuzione mensile   nei casi in cui la retribuzione mensile sia pari o inferiore nel 2013 all’importo di 1.180 euro mensili, annualmente rivalutato sulla base della variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati intercorsa nell’anno precedente;

b) pari al 75 per cento   dell’ importo di euro 1.1 80 ,incrementata di una somma pari al 25 per cento del differenziale tra la retribuzione mensile e il predetto importo nei casi in cui la retribuzione mensile sia superiore al predetto importo .

L’indennità mensile non può in ogni caso superare il c.d.massimale ,ossia l’importo mensile massimo di cui all’articolo unico, secondo comma, lettera b), della legge 13 agosto 1980, n. 427, e successive modificazioni,restando pertanto confermato che l’importo dell’indennità in questione   non può superare i limiti previsti dalla legge, calcolati con riferimento alla retribuzione lorda percepita.

I limiti vengono incrementati ogni anno in base alla variazione dell’indice Istat dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati.

Peraltro,  e’ da evidenziare che   a questa indennità   non si applica il prelievo contributivo di cui all’articolo 26 della legge 28 febbraio 1986, n. 41,che dispone :”Per  i  periodi  settimanali  decorrenti  da  quello  in corso al 1 gennaio  1986,  le  somme  corrisposte  ai  lavoratori  a  titolo  di integrazione  salariale,  nonche’  quelle  corrisposte  a  titolo  di prestazioni   previdenziali   ed   assistenziali   sostitutive  della retribuzione,  che  danno  luogo  a trattamenti da commisurare ad una percentuale  della  retribuzione non inferiore all’80 per cento, sono ridotte  in misura pari all’importo derivante dall’applicazione delle aliquote  contributive  previste  a  carico  degli  apprendisti  alle lettere  a)  e b) dell’articolo 21 della presente legge. La riduzione medesima  non  si applica ai trattamenti di malattia e di maternita’, nonche’ all’indennita’ di richiamo alle armi.”

Riduzione misura Aspi

All’indennita’  si applica una riduzione del 15 per cento dopo i primi sei mesi di fruizione.e ,  ove dovuta, la stessa è ulteriormente decurtata del 15 per cento dopo il dodicesimo mese di fruizione.

Contribuzione figurativa per Aspi

Per i periodi di fruizione dell’indennità sono riconosciuti i contributi figurativi nella misura settimanale pari alla media delle retribuzioni imponibili ai fini previdenziali  degli ultimi due anni,comprensiva degli elementi continuativi e non continuativi e delle mensilità aggiuntive.I contributi figurativi sono utili ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici; essi non sono utili ai fini del conseguimento del diritto nei casi in cui la normativa richieda il computo della sola contribuzione effettivamente versata.

Durata  massima legale Aspi

In merito alla durata dell’indennita’,  la legge di riforma   distingue fra :

1)) eventi di disoccupazione verificatisi a decorrere dall’1.1.2013 e fino al 31.12.2015

2) eventi di disoccupazione verificatisi  a decorrere dall ’1.1.2016

Rispetto  agli eventi   sub 1), si stabilisce  la seguente disciplina:

a) per le prestazioni relative agli eventi intercorsi nell’anno 2013: durata di  otto mesi per i soggetti con età anagrafica inferiore a cinquanta anni e di  dodici mesi per i soggetti con età anagrafica pari o superiore a cinquanta anni;

b) per le prestazioni relative agli eventi intercorsi nell’anno 2014: durata di otto mesi per i soggetti con età anagrafica inferiore a cinquanta anni,di  dodici mesi per i soggetti con età anagrafica pari o superiore a cinquanta anni e inferiore a cinquantacinque anni, di quattordici mesi per i soggetti con età anagrafica pari o superiore a cinquantacinque anni, nei limiti delle settimane di contribuzione negli ultimi due anni;

c) per le prestazioni relative agli eventi intercorsi nell’anno 2015: durata di dieci mesi per i soggetti con età anagrafica inferiore a cinquanta anni, di dodici mesi per i soggetti con età anagrafica pari o superiore a cinquanta anni ed inferiore a cinquantacinque anni,  di sedici mesi per i soggetti con età anagrafica pari o superiore a cinquantacinque anni, nei limiti delle settimane di contribuzione negli ultimi due anni.

Invece ,rispetto agli eventi sub 2) si dispone  che:

a) per i lavoratori di età inferiore a cinquantacinque anni, l’indennità di cui al comma 1 viene corrisposta per un periodo massimo di dodici mesi, detratti i periodi di indennità eventualmente fruiti nel medesimo periodo, anche in relazione ai trattamenti brevi  (mini-ASpI);

b) per i lavoratori di età pari o superiore ai cinquantacinque anni, l’indennità è corrisposta per un periodo massimo di diciotto mesi, nei limiti delle settimane di contribuzione negli ultimi due anni, detratti i periodi di indennità eventualmente fruiti nel medesimo periodo  per l’indennita’ Aspi    ovvero  mini Aspi.

Decorrenza Aspi

. L’indennità   spetta dall’ottavo giorno successivo alla data di cessazione dell’ultimo rapporto di lavoro ovvero dal giorno successivo a quello in cui sia stata presentata la domanda,che per  fruire dell’indennità i lavoratori aventi diritto devono presentare, a pena di decadenza,  esclusivamente in via telematica,all’INPS, entro il termine di due mesi dalla data di spettanza del trattamento.

Rapporto tra Aspi e nuova occupazione subordinata

La fruizione dell’indennità è condizionata alla permanenza dello stato di disoccupazione di cui all’articolo 1, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 181, e successive modificazioni,mentre  in  caso di nuova occupazione del soggetto assicurato con contratto di lavoro subordinato,senza dover dare comunicazione all’Inps , l’indennità  è sospesa d’ufficio, sulla base delle comunicazioni obbligatorie di cui all’articolo 9-bis, comma 2, del decreto-legge 1º ottobre 1996, n. 510, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 novembre 1996, n. 608, e successive modificazioni, fino ad un massimo di sei mesi ,mentre al termine di un periodo di sospensione di durata inferiore a sei mesi l’indennità riprende a decorrere dal momento in cui era rimasta sospesa,restando stabilito che nei casi di sospensione, i periodi di contribuzione legati al nuovo rapporto di lavoro possono essere fatti valere ai fini di un nuovo trattamento nell’ambito dell’ASpI o della mini-ASpI

Rapporto tra Aspi ed attivita’ autonoma

In caso di svolgimento di attività lavorativa in forma autonoma, dalla quale derivi un reddito inferiore al limite utile ai fini della conservazione dello stato di disoccupazione,  che attualmente  è previsto nell’anno  in misura di euro 4.800  ,  il soggetto beneficiario deve informare l’INPS entro un mese dall’inizio dell’attività, dichiarando il reddito annuo che prevede di trarre da tale attività. Il predetto Istituto provvede, qualora il reddito da lavoro autonomo sia inferiore al limite utile ai fini della conservazione dello stato di disoccupazione, a ridurre il pagamento dell’indennità di un importo pari all’80 per cento dei proventi preventivati, rapportati al tempo intercorrente tra la data di inizio dell’attività e la data di fine dell’indennità o, se antecedente, la fine dell’anno. La riduzione di cui al periodo precedente è conguagliata d’ufficio al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi; nei casi di esenzione dall’obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi, è richiesta al beneficiario un’apposita autodichiarazione concernente i proventi ricavati dall’attività autonoma.

Nei casi di cui  sopra  , inerenti lo svolgimento dell’attivita’ lavorativa autonoma  ,   la contribuzione relativa all’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti versata in relazione all’attività di lavoro autonomo non dà luogo ad accrediti contributivi ed è riversata alla Gestione prestazioni temporanee ai lavoratori dipendenti, di cui all’articolo 24 della legge 9 marzo 1989, n. 88.

Liquidazione in unica soluuzione Aspi

Si  prevede  che in   via sperimentale per ciascuno degli anni 2013, 2014 e 2015 il lavoratore avente diritto alla corresponsione dell’indennità   può richiedere la liquidazione degli importi del relativo trattamento, pari al numero di mensilità non ancora percepite, al fine di intraprendere un’attività di lavoro autonomo, ovvero per avviare un’attività in forma di auto impresa o di micro impresa, o per associarsi in cooperativa. Tale possibilità è riconosciuta nel limite deòlla disponibilita’ finanziaria  massima  di 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2013, 2014 e 2015.

Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di natura non regolamentare, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, da adottare entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono determinati limiti, condizioni e modalità per l’attuazione delle disposizioni di cui  alla liquidazione dell’Aspi in unica soluzione.

Finanziamento Aspi

Con effetto sui periodi contributivi maturati a  decorrere  dal 1° gennaio 2013, al finanziamento delle indennita’   ASpi    concorrono i contributi di cui agli articoli 12, sesto  comma,  contributo  integrativo  dovuto  per  i  salariati  fissi  e  i giornalieri  di  campagna ) e 28, primo comma,( concernente la percentualizzazione contribuzione base) della legge 3 giugno 1975, n. 160.

L’aliquota contributiva di cui al comma  36,  di  finanziamento dell’ASpI,  non  ha  effetto   nei   confronti   delle   disposizioni agevolative  che  rimandano,  per   l’identificazione   dell’aliquota applicabile,  alla  contribuzione  nella  misura  prevista  per   gli apprendisti

Per finaziare l’Aspi dall’1.1.2013 ,le aziende versano la precedente contribuzione utile aòlla disoccupazione (1,31%piu’ 0,30 %) ,su cui continuano ad operare le riduzioni previste dalle legge n.388/00,(massimo 0,80%),e n.266/05 (max 1%) ,nonche le misure compensative a favore della previdenza complementare e del fondo di tesoreria. Per i lavoratori èper cui non siversava la ds,es.soci dèpr 602/70,e legge 250/58 al contributo Aspi si applicano le residue riduzioni ,in precedenza non utilizzater. Che non puo’ utilizzare le riduzioni,puo’ allineare il contribiuto (1,31%) in cinque anni ,secondoiil seguente itinerasrio:o,26% per i primi 4 anni,e o,27 % il quinroi anno.Contestualmente anche il contributo dello 0,30 % potra’ essere riassorbito in cinque anni mella misura annua dello 0,06 % ,.Sara necesaripo pero’ un decreto ministeriale di regolamentazione .Fino a riallineamento completo Aspi e Mini Aspi saranno proporzionalmente rideterminate ogni anno in funzione della mionore aliquota versata .Si segnala atresi’ quanto dispone   dal comma 31  al comma 37. dell’art.2 della legge n.92-2012 Per quanto concerne l’argomento di cui al titolo,si fa riferimento all’art.2,  commi  da  31 a 37 ,  della,legge n.92/12 ,  che diospongono quanto segue ,al fine precipuo di scoraggisare il recesso attraverso un significatiovo onere finanziario a carico dei datori di lavoro.

 

Importo da versare per interruzione  lavoro a t.i. E stabilito che in  tutti i casi di interruzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato per causa diversa dalle dimissioni, intervenuti a decorrere dal 1º gennaio 2013, è dovuta, a carico del datore di lavoro, una somma pari al 50 per cento del trattamento mensile iniziale di ASpI per ogni dodici mesi di anzianità aziendale negli ultimi tre anni. Nel computo dell’anzianità aziendale sono compresi i periodi di lavoro con contratto diverso da quello a tempo determinato, se il rapporto è proseguito senza soluzione di continuità o se comunque si è dato luogo alla restituzione  del contributo addizionale di cui al comma 30 dell’art.2.

 

Somma da versare per interruzione apprendistato Il contributo  della somma pari al 50 per cento del trattamento mensile iniziale di ASpI per ogni dodici mesi di anzianità aziendale negli ultimi tre anni  è dovuto anche per le interruzioni dei rapporti di apprendistato diverse dalle dimissioni o dal recesso del lavoratore, ivi incluso il recesso del datore di lavoro ai sensi dell’articolo 2, comma 1, lettera m), del testo unico dell’apprendistato, di cui al decreto legislativo 14 settembre 2011, n. 167.,in cui si prevede la “possibilita’ per  le  parti  di  recedere  dal  contratto  con preavviso decorrente dal termine del periodo di formazione  ai  sensi di quanto disposto dall’articolo 2118 del codice civile.  Se  nessuna delle parti esercita la facolta’ di recesso al termine del periodo di formazione, il rapporto prosegue come ordinario  rapporto  di  lavoro subordinato a tempo indeterminato.”

Casi esclusione  versamento somma

Il contributo  in questione non è dovuto, fino al 31 dicembre 2016, nei casi in cui sia dovuto il contributo di cui all’articolo 5, comma 4, della legge 23 luglio 1991, n. 223.,che dispone:

“Per ciascun lavoratore posto in mobilità l’impresa è tenuta a versare alla gestione degli interventi assistenziali e di sostegno alle gestioni previdenziali, di cui all’art. 37, L. 9 marzo 1989, n. 88, in trenta rate mensili, una somma pari a sei volte il trattamento mensile iniziale di mobilità spettante al lavoratore. Tale somma è ridotta alla metà quando la dichiarazione di eccedenza del personale di cui all’art. 4, comma 9, abbia formato oggetto di accordo sindacale “ Inoltre , per   il periodo 2013-2015, il contributo di cui  si parla non è dovuto nei seguenti casi: a) licenziamenti effettuati in conseguenza di cambi di appalto, ai quali siano succedute assunzioni presso altri datori di lavoro, in attuazione di clausole sociali che garantiscano la continuità occupazionale prevista dai contratti collettivi nazionali di lavoro stipulati dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale; b) interruzione di rapporto di lavoro a tempo indeterminato, nel settore delle costruzioni edili, per completamento delle attività e chiusura del cantiere Versamento importo triplo Infine si avverte che il   contributo  della somma pari al 50% del trattamento mensiule iniziale dell’Aspi per ogni 12 mesi di anzianita aziendale negli ultimi tre anni,a decorrere dal 1º gennaio 2017, nei casi di licenziamento collettivo in cui la dichiarazione di eccedenza del personale di cui all’articolo 4, comma 9, della legge 23 luglio 1991, n. 223, non abbia formato oggetto di accordo sindacale,   è moltiplicato per tre volte.

Decadenza Aspi

Si decade dalla fruizione delle indennita’ di cui  al  presente articolo nei seguenti casi:

a) perdita dello stato di disoccupazione;

b)  inizio  di  un’attivita’  in  forma  autonoma  senza  che  il lavoratore effettui la comunicazione  all’Inps;

c) raggiungimento dei requisiti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato;

d) acquisizione del diritto all’assegno ordinario di invalidita’, sempre che il lavoratore non opti per l’indennita’ erogata dall’ASpI.   ù

La decadenza  si  realizza  dal  momento  in  cui  si  verifica l’evento che la determina, con obbligo di restituire l’indennita’ che eventualmente si sia continuato a percepire.

2.MINI ASPI

Soggetti destinatari

A decorrere dal 1º gennaio 2013, a  tutti i lavoratori dipendenti,   compresi gli apprendisti e i soci lavoratori di cooperativa che abbiano stabilito, con la propria adesione o successivamente all’instaurazione del rapporto associativo, un rapporto di lavoro in forma subordinata, ai sensi dell’articolo 1, comma 3, della legge 3 aprile 2001, n. 142, e successive modificazioni

Requisiti contributivi

I lavoratrori aaspiranti alla MiniAspi devono poter   far valere almeno tredici settimane di contribuzione di attività lavorativa negli ultimi dodici mesi, per la quale siano stati versati o siano dovuti i contributi per l’assicurazione obbligatoria,

Importo

L’indennità  in questione è rapportata alla retribuzione imponibile ai fini previdenziali degli ultimi due anni, comprensiva degli elementi continuativi e non continuativi e delle mensilità aggiuntive, divisa per il numero di settimane di contribuzione e moltiplicata per il numero 4,33.

L’indennita’ mini Aspi mensile e’ rapportata alla retribuzione mensile  ed e’ pari al 75 per cento nei casi in cui la retribuzione  mensile  sia pari  o  inferiore  nel  2013  all’importo  di  1.180  euro  mensili, annualmente rivalutato sulla base della variazione dell’indice  ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli  impiegati intercorsa nell’anno precedente; nei  casi  in  cui  la  retribuzione mensile sia superiore al predetto importo l’indennita’ e’ pari al  75 per cento del predetto importo incrementata di una somma pari  al  25 per cento del differenziale tra la retribuzione mensile e il predetto importo.  L’indennita’  mensile  non  puo’  in  ogni  caso   superare l’importo mensile massimo di cui all’articolo unico,  secondo  comma, lettera b),  della  legge  13  agosto  1980,  n.  427,  e  successive modificazioni.

Prelievo contributivo non  effettuabile

All’indennita’ di cui  sopra   non  si  applica  il  prelievo contributivo di cui all’articolo 26 della legge 28 febbraio 1986,  n. 41.

Riduzione importo Mini Aspi

All’indennita’  della mini Aspi  si applica una riduzione del 15 per cento dopo i primi sei mesi di fruizione. L’indennita’  medesima, ove dovuta, e’ ulteriormente decurtata  del  15  per  cento  dopo  il dodicesimo mese di fruizione.

Contribuzione figurativa

Per i periodi di fruizione dell’indennita’ sono riconosciuti  i contributi figurativi nella misura settimanale pari alla media  delle retribuzioni imponibili ai fini previdenziali di cui al comma 6 degli ultimi due anni. I contributi  figurativi  sono  utili  ai  fini  del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici; essi  non  sono utili ai fini del conseguimento  del  diritto  nei  casi  in  cui  la normativa richieda il computo della sola contribuzione effettivamente versata.

Modalita’ liquidazione e durata

L’indennita’  in questione  e’ corrisposta mensilmente  per un  numero  di  settimane  pari  alla  meta’   delle   settimane   di contribuzione nell’ultimo anno,  detratti  i  periodi  di  indennita’ eventualmente fruiti nel periodo.

Soggetti non destinatari mini aspi

Le disposizioni  relastive alla mini Aspi non si applicano nei confronti degli operai agricoli a tempo determinato o  indeterminato, per i quali trovano applicazione le  norme  di  cui  all’articolo  7, comma 1, del decreto-legge 21 marzo  1988,  n.  86,  convertito,  con modificazioni, dalla legge 20  maggio  1988,  n.  160,  e  successive modificazioni, all’articolo 25 della legge 8  agosto  1972,  n.  457, all’articolo 7 della legge 16 febbraio 1977, n. 37, e all’articolo  1 della legge 24 dicembre 2007, n. 247, e successive modificazioni.

Perdita involontaria occupazione

Detta  indennita’   e’ riconosciuta ai lavoratori che abbiano  perduto  involontariamente  la  propria  occupazione  e  che   siano in stato di disoccupazione  ai  sensi  dell’articolo  1, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 21 aprile 2000, n.  181, e successive modificazioni

Decorrenza spettanza indennita’

L’indennita’    spetta  dall’ottavo  giorno successivo alla data di cessazione  dell’ultimo  rapporto  di  lavoro ovvero dal giorno successivo a quello in cui sia stata presentata  la domanda.

Domanda

Per fruire dell’indennita’ mini Aspi  i lavoratori aventi diritto  devono, a pena di decadenza, presentare apposita domanda,  esclusivamente  in via telematica, all’INPS, entro il termine di due mesi dalla data  di spettanza del trattamento.

Permanenza stato disoccupazione

La fruizione dell’indennita’ e’  condizionata  alla  permanenza dello stato di disoccupazione di cui all’articolo 1, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 21 aprile  2000,  n.  181,  e  successive modificazioni.

Rapporto mini aspi ed occupazione subordinata

. In caso  di  nuova  occupazione  del  soggetto  assicurato  con contratto di lavoro subordinato, l’indennita’ di cui al  comma  1  e’ sospesa d’ufficio, sulla base delle comunicazioni obbligatorie di cui all’articolo 9-bis, comma 2, del decreto-legge 1°  ottobre  1996,  n. 510, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 novembre 1996,  n. 608, e successive modificazioni, fino ad un massimo di sei  mesi;  al termine di un periodo di sospensione di durata inferiore a  sei  mesi l’indennita’ riprende a decorrere dal  momento  in  cui  era  rimasta sospesa.

. Nei casi di sospensione, i periodi di contribuzione  legati  al nuovo rapporto di lavoro possono essere fatti valere ai  fini  di  un nuovo trattamento nell’ambito dell’ASpI o della mini-ASpI

Mini Aspi e lavoro autonomo.

In  caso  di  svolgimento  di  attivita’  lavorativa  in  forma autonoma, dalla quale derivi un reddito inferiore al limite utile  ai fini della conservazione dello stato di disoccupazione,  il  soggetto beneficiario  deve  informare  l’INPS  entro  un   mese   dall’inizio dell’attivita’, dichiarando il reddito annuo che prevede di trarre da tale attivita’. Il predetto Istituto provvede, qualora il reddito  da lavoro  autonomo  sia  inferiore  al  limite  utile  ai  fini   della conservazione dello stato di disoccupazione, a ridurre  il  pagamento dell’indennita’ di un importo pari  all’80  per  cento  dei  proventi preventivati, rapportati al tempo intercorrente tra la data di inizio dell’attivita’ e la data di fine dell’indennita’ o,  se  antecedente, la fine dell’anno. La riduzione  di  cui  al  periodo  precedente  e’ conguagliata  d’ufficio  al   momento   della   presentazione   della dichiarazione dei redditi; nei  casi  di  esenzione  dall’obbligo  di presentazione  della  dichiarazione  dei  redditi,  e’  richiesta  al beneficiario un’apposita  autodichiarazione  concernente  i  proventi ricavati dall’attivita’ autonoma.

Nei  casi  di  cui   sopra ,  la  contribuzione  relativa all’assicurazione  generale  obbligatoria   per   l’invalidita’,   la vecchiaia e i superstiti versata in relazione all’attivita’ di lavoro autonomo non da’ luogo ad accrediti contributivi ed e’ riversata alla Gestione prestazioni temporanee  ai  lavoratori  dipendenti,  di  cui all’articolo 24 della legge 9 marzo 1989, n. 88.

Liquidazione MiniAspi in unica soluzione

In via sperimentale per ciascuno degli anni 2013, 2014  e  2015 il lavoratore avente diritto alla corresponsione  dell’indennita’   di mini  Aspi  puo’ richiedere  la  liquidazione  degli  importi  del relativo  trattamento  pari  al  numero  di  mensilita’  non   ancora percepite, al fine di intraprendere un’attivita’ di lavoro  autonomo, ovvero per avviare un’attivita’ in forma di auto impresa o  di  micro impresa, o  per  associarsi  in  cooperativa.  Tale  possibilita’  e’ riconosciuta nel limite massimo di 20 milioni di  euro  per  ciascuno degli anni 2013, 2014 e 2015. Al relativo onere si provvede  mediante corrispondente  riduzione  dell’autorizzazione  di   spesa   di   cui all’articolo 24, comma 27, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n.  214. Con decreto del Ministro del lavoro e  delle  politiche  sociali,  di natura non regolamentare, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, da adottare entro centottanta  giorni  dalla  data  di entrata in vigore della  presente  legge,  sono  determinati  limiti, condizioni e modalita’ per l’attuazione delle disposizioni di cui  al presente comma.

Riassorbimento indennita’  ds requisiti ridotti e mini aspi

Le  prestazioni  di  cui  all’articolo   7,   comma   3,   del decreto-legge 21 marzo 1988, n. 86,  convertito,  con  modificazioni, dalla legge 20 maggio 1988, n. 160,( ossia l’ndennita’ di disocupazione con requisiti ridotti  ) si  considerano  assorbite,  con riferimento ai periodi lavorativi dell’anno 2012,  nelle  prestazioni della mini-ASpI liquidate a decorrere dal 1° gennaio 2013.

Finanziamento Mini Aspi

Con effetto sui periodi contributivi maturati a  decorrere  dal 1° gennaio 2013, al finanziamento delle indennita’ di mini ASpi    concorrono i contributi di cui agli articoli 12, sesto  comma,  contributo  integrativo  dovuto  per  i  salariati  fissi  e  i giornalieri  di  campagna ) e 28, primo comma,( concernente la percentualizzazione contribuzione base) della legge 3 giugno 1975, n. 160.

Decadenza MiniAspi

Si decade dalla fruizione delle indennita’ di cui  al  presente articolo nei seguenti casi:     a) perdita dello stato di disoccupazione;     b)  inizio  di  un’attivita’  in  forma  autonoma  senza  che  il lavoratore effettui la comunicazione  all’Inps;     c) raggiungimento dei requisiti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato;     d) acquisizione del diritto all’assegno ordinario di invalidita’, sempre che il lavoratore non opti per l’indennita’ erogata dall’ASpI.   La decadenza  si  realizza  dal  momento  in  cui  si  verifica l’evento che la determina, con obbligo di restituire l’indennita’ che eventualmente si sia continuato a percepire.

Premesso quanto sopra ,si  richiama l’attenzione sulla circolare Inps n.140/12 in cui l’Istituto fornisce indicazioni sugli aspettio di carsattere contributivo per l’Aspi,il cui testo è consultabile ndo cliccando il seguente link:http://www.inps.it/bussola/VisualizzaDoc.aspx?sVirtualURL=/Circolari/Circolare%20numero%20140%20del%2014-12-2012.htm&iIDDalPortale=&iIDLink=-1

.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: