VELOCIZZATA PROCEDURA DILAZIONE INPS CONTRIBUTI DOMESTICI

L”argomento di cui al titolo trova esposizione nel messaggio Inps n.11560/2012,  prevedendo  che lka   definizione delle istanze,   deve avvenire entro 15 giorni dalla data di presentazione, mentre il pagamento della prima rata deve essere effettuato prima o contestualmente alla sottoscrizione del piano di ammortamento, entro 10 giorni dall’accoglimento.

Inoltre è stabilito che  La dilazione  sia  concessa per    un massimo di 24 mesi ovvero di 36 mesi  per periodi antecedenti al 1° aprile 2009 relativi alla sanatoria stranieri   ,fermo restandoi che   l’importo  mensile da versare  non risulti inferiore a 100 euro.

Infastti l’Istituto precisa che la  velocizzazione della procedura di autorizzazione alla dilazione dei debiti contributivi relativi a lavoratori domestici è dovuta alla nuova funzionalità telematica di gestione ,attraverso cui ,il datore di lavoro  ,interessato ad ottenere la  dilazione del pagamento del debito contributivo ,deve    presentare apposita istanza comprensiva di tutti i crediti contributivi accertati alla stessa data di presentazione relativi a tutti i rapporti di lavoro domestico di cui sia titolare .

La  richiesta datporiale dattiva la seguente procedura:

– l’acquisizione della scheda istruttoria;

– la stampa della scheda per l’accoglimento dell’istanza;

– l’emissione e la stampa del piano di ammortamento per la successiva sottoscrizione da parte del datore di lavoro.

Viene altresì chiarito che :

a) il pagamento dilazionato, spiega l’Inps, può essere concesso fino a un massimo di 24 mensilità sempreché l’importo della rata non sia inferiore a 100 euro ,mentre se la rata risulta inferiore, la rateazione massima sarà pertanto pari all’importo del debito diviso 100 euro).

b) la definizione della domanda  avviene entro 15 giorni dalla data di presentazione;

c) la sottoscrizione del piano di ammortamento  interviene  entro 10 giorni dalla delibera di accoglimento;

d) il pagamento della prima rata  va effettuato prima o contestualmente alla sottoscrizione del piano di ammortamento.

Infine le istruzioni dell’Inps  ricordano che :

-eventuali versamenti effettuati successivamente alla presentazione della domanda verranno considerati come partite a credito del datore le quali, in assenza di altri debiti, potranno essere utilizzati in compensazione con i contributi/debiti correnti  -verranno considerati i versamenti pervenuti dopo la notifica del piano di ammortamento di importo diverso da quello delle rate calcolate.

Il Messaggio indicato si sofferma anche sulla sanatoria dei domestici extracomnunitari,prevedendo  che  i datori di lavoro domestico che si sono avvalsi, ai sensi della legge n. 102/2009 per  far emergere lavoratori extracomunitari in Italia senza permesso di soggiorno,  che è loro facoltà pagare i contributi dovuti per questi lavoratori in relazione a periodi di occupazione antecedenti il 1° aprile 2009, nei limiti della prescrizione, fino a un massimo di 36 rate con interessi di dilazione diversi a seconda del numero di rate richiesto,precisando  che questa tipologia di dilazione, per le sue caratteristiche esclusive, non può essere cumulabile con altre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: