FISSATI CRITERI PER ABOLIZIONE PROVINCE

Nella riunione del 20 scorso il Consiglio dei Ministri ha individuato ed approvato i crireri per procedere alla riduzione delle   province esistenti

Sara’ cancellato   il 60% delle province italiane, in quanto  , su 107 ,sono 64 quelle che non hanno i requisiti per rimanere operative .

Tra quelle che saranno abolite , 50 si trovano   nelle regioni a statuto ordinario e 14 in quelle a statuto speciale.mentre   bisogna comunque aggiungere   le dieci città metropolitane ,dove le province sono destinate a scomparire.

Ecco   come  si presentera’ la sitsazione nelle varie regioni

In  la Toscana  si salverà solo Firenze,evidenziando peraltro che,in quanto città metropolitana ,la provincia verrà   abolita  sostituita dal nuovo ente) ,mentre    tutte le altre dovranno  realizzare  l’ accorpamento,

In  Lombardia  dalle attuali 12 province si passerà a 4 (Milano, Brescia, Bergamo e Pavia),

In  Sardegna resterà solo Cagliari.,venendo abolite , oltre alle quattro province di nuova istituzione (Olbia-Tempio, Medio Campidano, Ogliastra e Carbonia), già bocciate dai cittadini sardi con referendum, anche Sassari, Nuoro e Oristano.

La Campania  manterrà 4 delle attuali 5 province, perdendo solo Benevento.

Il Piemonte manterra’ 3 province su otto,ossia Torino,Cuneo ed Alessandria

Il Veneto consesrvera’ 3 province su 7,cioe’ Venezia,Verona e Vicenmza

L’Emilia Romagna  da  9 province scendera’ a 4  Parma,bologna,Modena e Ferrara

LaLiguria conserva Genova e La spezia e perde le altre due province

L’Umbria resta con la sola Perugia,,mentre perde Terni

Le Marche passano da 5 a 3 province ,ovvero Ancona,Pesaro e Urbino

L’Abruzzo conserva l’Aquila e Chiedi e perde Pescara e Teramo

Il Molise  perde Isernia e resta soltanto   Campobasso

La Basilicata  conserva Potenza mentre è abolita Matera

La Puglia conserva 3 delle 6  province attuali ,vale a dire Bari,Foggia e Lecce

La Calabria conserva 3 delle 5 province attuali , ossia Reggio C.,Cosenza e Catanzaro

La Sicilia  passa da 9 a 4 province ,cioe’ Palermo ,Agrigento ,Catania e Messina

Il Friuli V.G.conserva Trieste ed Udine ,mentre perde Pordenone e Gorizia

Nei prossimi giorni il governo trasmetterà la deliberazione al Consiglio delle autonomie locali (Cal), istituito in ogni regione e composto dai rappresentanti degli enti territoriali (in mancanza, la deliberazione verrà trasmessa all’organo regionale di raccordo tra regione ed enti locali). La proposta finale sarà trasmessa da Cal e regioni interessate al governo, il quale provvederà all’effettiva riduzione delle province promuovendo un nuovo atto legislativo che completerà la procedura.

Le nuove province si occuperanno solo di tre materie: ambiente, trasporti e viabilità. Le altre competenze vengono invece devolute ai comuni, come stabilito dal decreto «Salva Italia».

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: