CHIARIMENTI INPS DS LAVORATORI SOSPESI E MOBILITA’ IN DEROGA

Si richiama l’attenzione  sul Messaggio Inps n.7570 del 29 marzo 2011 contenente i chiarimenti di cui al titolo,che di seguito si riportano.

1.Per quanto riguarda l’indennità di disoccupazione prevista dall’art. 19 legge n. 2/2009  in favore   dei lavoratori sospesi per crisi aziendali e   occupazionali ,il messaggio ricorda che il   flusso di lavoro prevede la liquidazione dell’intera prestazione alla fine del periodo di sospensione 

 Per potere istruire la domanda, è necessario che l’EBAM abbia effettuato il pagamento della quota di propria competenza relativa al primo mese di sospensione. Deve inoltre essere verificata la presenza delle rendicontazioni mensili che l’azienda deve comunicare entro il 20° giorno del mese successivo a quello di fruizione della sospensione ,mentre situazioni particolari dovranno essere valutate caso per caso, fermo restando il principio della massima tempestività possibile nella erogazione della prestazione in oggetto ed infine che  l’eventuale esaurimento dei fondi EBAM, da comunicare da parte della Direzione Regionale Inps, che comporterà la chiusura di tutte le domande di indennità di disoccupazione per sospensione ancora in liquidazione.

2.Riguardo all’ Indennità di mobilità in deroga ,viene preliminarmnte ricordato il messaggio  n. 27995 del 8/11/2010 (Disposizioni in materia di concessione e/o proroga, in deroga alla vigente normativa, del trattamento di cassa integrazione guadagni ordinaria e/o straordinaria, di mobilità e di disoccupazione speciale in favore di lavoratori dipendenti di imprese ubicate nella Regione MARCHE) ,in cui si stabilisce che un lavoratore decade dalla prestazione in oggetto nel caso in cui sia stato assunto a tempo indeterminato o collocato in pensione prima della data di fine concessione del trattamento in deroga.

 Invece la circolare n. 5/2010 (incentivi per l’assunzione di lavoratori destinatari di ammortizzatori in deroga) prevede la possibilità, al termine del rapporto di lavoro a tempo determinato per il quale il datore di lavoro percepisce l’incentivo, di riprendere a godere dell’ammortizzatore sociale per il periodo rimanente.

Tenuto conto di quanto indicato nei documenti citati, il Messaggio in esame precisa che l’indennità di mobilità in deroga resta sospesa per tutto il periodo in cui il lavoratore viene assunto con contratto a tempo determinato o, se assunto a tempo indeterminato, non supera il relativo periodo di prova. Il periodo di assunzione di cui al punto precedente deve essere considerato neutro ai fini della durata complessiva dell’indennità, nel rispetto dei limiti temporali previsti dagli accordi regionali vigenti in materia di ammortizzatori sociali in deroga   

 Infine con riferimento all’Accordo dellaRegione Marche che     prevede l’erogazione della mobilità in deroga a tutti i lavoratori dipendenti che non possano fruire di altri ammortizzatori,  il Messaggio citato afferma che  fermo restando il controllo del requisito soggettivo, é possibile il pagamento anche per i lavoratori domestici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: