INDAGINE CONGIUNTURALE CRESA SULLE IMPRESE MANIFATTURIERE – IV TRIMESTRE 2010

Di seguito si riporta  il testo integrale del comunicato stampa del CRESA  pubblicato sul sito istituzionale in   data 23.3.2011 relativo all’argomento  specificato  nel   titolo.

Variazioni percentuali rispetto al IV trimestre 2009
PRODUZIONE +11,5% FATTURATO +10,6% FATTURATO ESTERO +12,1% OCCUPAZIONE -1,1%

I principali indicatori evidenziano un’accelerazione della ripresa rispetto a quanto rilevato nel trimestre precedente.
La flessione dell’occupazione ha assunto dimensioni più contenute.
Migliorano le aspettative per il prossimo semestre. Continuano ad essere negative solo le previsioni occupazionali.

Il quadro congiunturale. L’indagine sulla congiuntura industriale manifatturiera relativa al quarto trimestre 2010 è stata condotta su 363 imprese manifatturiere con almeno 10 addetti operanti nella regione. I risultati evidenziano sia a livello congiunturale che tendenziale incrementi di produzione, fatturato, export, ordini interni ed esteri e cali dell’occupazione.
Rispetto al periodo luglio-settembre le variazioni su base trimestrale perdono il segno negativo e fanno registrare aumenti anche consistenti: il portafoglio ordini si attesta intorno al +10%, la produzione al +7% e il fatturato al +6% (fatturato estero: +3%). Solo l’occupazione continua a contrarsi anche se in modo assai modesto (-0,1%).
Nel confronto con lo stesso periodo dell’anno precedente le aziende abruzzesi confermano sostanzialmente sia gli incrementi sia il loro ordine di grandezza: produzione, fatturato, fatturato estero e ordini interni aumentano di circa il 10%, gli ordini esterni di più del 20%. L’occupazione continua a scendere ma in modo meno intenso (-1%).
Gli operatori del settore mostrano cautela nel valutare le prospettive per i prossimi sei mesi ma i loro giudizi sono decisamente migliori di quelli espressi nel trimestre precedente. Moderatamente positive le aspettative relative a produzione, fatturato e ordini esteri, sostanzialmente stazionarie quelle sull’andamento degli ordini interni. Restano pessimistiche le previsioni sulla tenuta dei livelli occupazionali.

Le piccole e medie imprese. Le piccole imprese mostrano deboli segni di ripresa con variazioni quasi sempre positive ma inferiori alla media del manifatturiero abruzzese. Ottimo l’andamento su base trimestrale degli ordini esteri (+34,2%). L’occupazione rimane stabile nel breve periodo ma si contrae su base annua (-1,8%). Le previsioni degli operatori per i prossimi sei mesi sono pessimistiche, in particolar modo per l’occupazione.
Le medie imprese mostrano un andamento generalmente crescente ma meno intenso rispetto a quello regionale. Calano il fatturato su base trimestrale (-0,7%) e l’occupazione (-0,7% congiunturale e -1,6% tendenziale). Ottime le aspettative per produzione, fatturato e ordini, buone quelle sull’occupazione.

Le grandi imprese. A trascinare la ripresa sono le aziende con oltre 250 addetti che presentano variazioni positive e generalmente sostenute di tutti gli indicatori su base sia trimestrale che annua. Si rileva, in particolare, che sono solo le aziende di maggiori dimensioni a far registrare incrementi dei livelli occupazionali (congiunturale: +0,8%, tendenziale: +1,5%). Gli operatori del settore prevedono per i prossimi sei mesi una fase di forte crescita della produzione, del fatturato, del portafoglio ordini e una flessione dell’occupazione.

Il territorio. La provincia di Chieti continua a migliorare le proprie performance su base annua e torna ad espandersi anche rispetto al trimestre precedente. Mostra incrementi superiori alla media regionale su entrambi gli orizzonti temporali. E’ la provincia che fa registrare il miglior andamento dell’occupazione (congiunturale: +0,1%, tendenziale: -0,2%). Le previsioni sono ottimistiche.
Le aziende manifatturiere aquilane continuano ad essere in difficoltà. Positivo, anche se meno sostenuto della media regionale, l’andamento della produzione e degli ordini interni, negativo quello dell’export, degli ordini esteri e dell’occupazione. Il fatturato subisce un lieve incremento solo su base annua. Per i prossimi sei mesi gli operatori prevedono un peggioramento generale.
La provincia di Pescara fa registrare ottimi incrementi congiunturali e tendenziali delle vendite estere attuali e future e del fatturato su base annua. Produzione, occupazione e ordini interni mostrano un andamento, peraltro non sempre positivo, peggiore di quello medio regionale. Le aspettative per il prossimo futuro sono di flessione.
Il settore manifatturiero teramano vive un importante incremento su base trimestrale e annua del fatturato e degli indicatori di competitività internazionale. Si contrae l’occupazione congiunturale e tendenziale e quest’ultima mostra la flessione più consistente tra le province abruzzesi. Gli operatori esprimono cautela sulle prospettive a breve di produzione, fatturato e commesse estere e pessimismo sulla tenuta dei livelli occupazionali e degli ordini interni.

I settori.
Alimentare, bevande e tabacco Dopo un periodo di crescita ininterrotta, il comparto vede su base trimestrale contrazioni di fatturato, ordini e occupazione e incrementi non superiori alla media regionale degli altri indicatori. Moderatamente positive le variazioni tendenziali con la sola eccezione dell’export che fa registrare un +18,0%. Le previsioni a sei mesi sono generalmente migliori di quelle medie regionali.

Tessile, abbigliamento e calzature Il comparto pare essere uscito da un periodo difficile. Aumentano su base annua e trimestrale i valori di quasi tutti gli indicatori. Migliore della media regionale l’andamento congiunturale degli ordini esteri e dell’occupazione la quale, tuttavia, sul fronte tendenziale fa rilevare la più pesante contrazione tra tutti i settori del manifatturiero. Le aspettative per il futuro sono buone solo per il fatturato.

Legno e mobili Cresce in modo significativo l’export. Sotto il profilo congiunturale il fatturato vive un incremento superiore alla media regionale, la produzione e gli ordini interni aumentano in modo più contenuto e gli ordini e esteri e l’occupazione si contraggono. Sul piano tendenziale calano produzione, ordini e occupazione. Le previsioni sono di stazionarietà con dubbi sulla tenuta dei livelli occupazionali e degli ordini esteri.

Lavorazione di minerali non metalliferi Gli incrementi su base trimestrale sono nel complesso superiori a quelli del manifatturiero regionale. Meno buono è l’andamento tendenziale con incrementi inferiori alla media e decrementi del fatturato e delle commesse interne. Cresce l’occupazione su entrambi gli orizzonti temporali, particolarmente quella tendenziale. Le aspettative per il futuro restano pessimistiche.

Metalmeccanica Nel confronto con il trimestre precedente e con il IV trimestre 2009 il comparto presenta incrementi generalmente inferiori alla media regionale di quasi tutte le grandezze. Si rileva l’aumento su base trimestrale dell’occupazione. Le previsioni sono generalmente ottimistiche con aspettative di contrazione per la sola occupazione.

Elettromeccanica ed elettronica Il comparto ha fatto registrare aumenti superiori alla media del manifatturiero abruzzese della produzione e degli ordini e, solo su base annuale, del fatturato. Peggiora, più che a livello regionale, la situazione congiunturale e tendenziale dell’occupazione e negativo è anche l’andamento delle vendite estere. Se si esclude l’occupazione, le previsioni a sei mesi sono positive.

Mezzi di trasporto Il comparto ha fatto rilevare diffusi e consistenti incrementi congiunturali e tendenziali di quasi tutte le variabili ad esclusione del portafoglio ordini esteri, che su base trimestrale aumenta in modo contenuto, e dell’occupazione, che su entrambi gli orizzonti temporali presenta variazioni negative peggiori della media regionale Gli operatori del settore prevedono forti incrementi nei prossimi sei mesi.

Chimico-farmaceutica Continua a non essere buono l’andamento congiunturale con contrazioni di produzione, export e occupazione e incrementi contenuti degli altri indicatori ad eccezione degli ordini esteri che fanno registrare un raddoppio. Se si escludono le crescite superiori alla media regionale di fatturato e occupazione, flessioni e deboli aumenti si registrano anche a livello tendenziale. Gli operatori rafforzano le previsioni ottimistiche già espresse nel trimestre precedente.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 251 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: