PROTOCOLLO MINISTERO LAVORO /CONSIGLIO NAZ.LE CONSULENTI LAVORO COMMISSIONI CERTIFICAZIONI

 Tra il Ministero del Lavoro ed il Consiglio Nazionale Consulenti Lavoro risulta sottoscritto un    protocollo d’intesa  per rendere operativa l’attivita’  delle Commissioni  di Certificazione  da costituire presso le sedi dei Consigli Provinciali dei Consulenti del Lavoro ,cui spetta anche  la funzione di conciliazione .

Di seguito si riporta il testo  del predetto protocollo. 

Articolo 1

Regolamento

Il Consiglio Nazionale dei Consulenti del lavoro, entro 60 giorni dalla firma del presente accordo, approva il regolamento sulla base del quale si costituiscono ed operano le Commissioni istituite presso i Consigli Provinciali.

Il regolamento che stabilisce la procedura di certificazione ai sensi dell’articolo 78 del d.lgs. 276/2003 è redatto nel rispetto dei seguenti principi:

1. identificazione del numero dei componenti della commissione che non può essere inferiore a tre;

2. identificazione delle competenze dei membri della commissione e delle cause di incompatibilità e/o conflitto di interessi

3. obbligo di comunicare al Ministero del lavoro, con cadenza semestrale, ogni modifica dei componenti della commissione

4. obbligo per i membri delle commissioni di partecipazione ad appositi corsi di formazione, organizzati dal Consiglio Nazionale dei consulenti del lavoro anche per il tramite della Fondazione Studi

5. obbligo di audizione dei lavoratori interessati dal provvedimento emesso dalla commissione ai fini della verifica della reale volontà delle parti contraenti;

6. modalità di conservazione degli atti di certificazione

7. criteri di validità delle sedute e delle delibere

8. modalità di redazione dell’atto di certificazione e di inoltro alle autorità competenti

9. obbligo di fornire al Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro, con cadenza trimestrale, un resoconto dell’attività svolta, con particolare riferimento al numero e alla tipologia di istanze e di contratti certificati, secondo un modulo di rilevazione che verrà predisposto dal Ministero del lavoro entro un mese dalla stipulazione del presente protocollo.

L’entrata in vigore del sopra citato regolamento sostituisce ogni altro strumento regolamentare vigente e vincola i Consigli Provinciali al rispetto delle disposizioni in esso contenute.

Articolo 2

Pubblicità e trasparenza

Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali ai fini di pubblicità e trasparenza si impegna a diffondere – in apposita sezione del sito internet istituzionale – un elenco delle commissioni istituite presso i Consigli Provinciali che intendano operare nell’ambito della presente intesa.

Articolo 3

Coordinamento

Il Consiglio Nazionale, ai sensi dell’articolo 76, comma 1, lettera c-ter) del decreto legislativo n. 276/2003, ha la funzione di coordinamento e vigilanza per gli aspetti organizzativi, delle commissioni di certificazione costituite presso gli Consigli Provinciali.

Inoltre, il Consiglio Nazionale svolge un ruolo di:

1. tenuta anche ai fini della pubblicità di cui all’art. 2 dell’elenco delle commissioni di certificazione dei Consigli Provinciali dei consulenti del lavoro con indicazione dei componenti e delle relative funzioni anche ai fini della verifica delle eventuali incompatibilità e dei possibili conflitti di interesse a garanzia della posizione di terzietà della commissione;

2. aggiornamento formativo semestrale obbligatorio, per il tramite della propria Fondazione Studi, dei componenti delle commissioni mediante idoneo programma scientifico;

3. supporto alle commissioni di certificazione per il normale svolgimento delle loro funzioni, anche tramite linee guida.

Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e il Consiglio Nazionale al fine di monitorare e coordinare l’attività delle commissioni di certificazione istituite ai sensi dell’art. 76, comma 1, lett. C-ter del decreto legislativo n. 276/2003 istituiscono un tavolo di lavoro congiunto – che si riunirà con cadenza semestrale nonché all’occorrenza, su iniziativa dei componenti – volto alla valutazione dei periodici rapporti di monitoraggio anche al fine di valutare l’opportunità di iniziative congiunte anche di tipo formativo e informativo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: