PRECISAZIONI OPERATIVE INPS FRUIZIONE PERMESSI LEGGE 104/92 DOPO MODIFICHE COLLEGATO LAVORO

Facendo seguito alla circolare n.155/2010 contenente le istruzioni  per l’applicazione  dell’sart.24 della legge n.183/04 in materia di diritto alla fruizioni dei pemessi previdsti dallper alegge n.104/92 per l’assistenza ai familiari disabili in condizione di gravità  ,l’Inps con il messaggio n.1740 del 25 gennaio 2011 fornisce alcune precisazioni operative al riguardo alle proprie strutture territoriali ,che di seguito si evidenziano.

   

 .

 
 In primo luogo  ,richiando il  paragrafo 2 della citata circolare , nella parte in cui si fa riferimento alle patologie invalidanti, si chiarisce che il parente o affine di terzo grado, se interessato a fruire dei benefici in parola, dovrà allegare in busta chiusa indirizzata al Centro Medico Legale territorialmente competente la documentazione sanitaria inerente lo stato di salute del coniuge e/o del/i genitore/i utile e idonea a comprovare la sussistenza della patologia invalidante stessa.
 
Inoltre ,rispetto   al paragrafo 7, si ribadisce che gli uffici dovranno riesaminare, alla luce del nuovo disposto normativo, le domande pervenute da parenti e affini di terzo grado dei soggetti in situazione di disabilità grave nonchè quelle presentate da più familiari (a meno che non si tratti dei due genitori) per l’assistenza allo stesso soggetto con disabilità in situazione di gravità.
 
Pertanto viene disposto che gli operatori, devono sospendere i provvedimenti in corso al giorno precedente la data di entrata in vigore della legge n. 183/2010 (24.11.2010) ed inviare agli interessati lettere specifiche, prodotte dalla procedura di gestione delle domande secondo i  testi allegati allegati al messaggio Con queste lettere verrà richiesto agli interessati di presentare dichiarazioni atte a verificare la sussistenza dei requisiti – previsti dalle nuove disposizioni normative – per la fruizione dei permessi in oggetto.
 
Peraltro si precisa che se    le predette dichiarazioni non perverranno alle Sedi Inps entro il 31 marzo 2011, verrà inviata ai richiedenti i permessi la comunicazione di cessazione del provvedimento di autorizzazione al conguaglio (nel caso di pagamento a conguaglio della prestazione) ovvero di reiezione (nel caso di pagamento diretto della prestazione) con effetto dal 24 novembre 2010.
 
Conclusivamente il messaggio prevede che gli  uffici avranno cura di inviare agli interessati, nel più breve tempo possibile, le lettere emesse dalla procedura secondo le modalità previste dalla normativa vigente per la rapida definizione dei casi e per limitare l’eventuale possibile contenzioso.
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: