ISTRUZIONI INAIL SOSPENSIONE VERSAMENTI PREMI TERRITORI SISMA ABRUZZO

Dopo che   l’articolo 39, commi 1 e 3, del decreto-legge n. 78 del 31 maggio 2010 ha disposto la prosecuzione della sospensione sino al 15 dicembre 2010 dei versamenti tributari, contributivi e assicurativi nei confronti di determinati soggetti colpiti dall’evento sismico in  Abruzzo, la  legge di converzione del predetto  n. 122 del 30 luglio 2010  ,ha modificato ed integrato il  citato  articolo 39,individuando in particolare   i   soggetti beneficiari di tale proroga  ed ha   stabilito le relative modalità di recupero dei premi sospesi sino al 15 dicembre 2010   .

 la stessa legge  ha altresì disposto le modalità di riscossione dei premi già sospesi dal 6 aprile 2009 al 30 giugno 2010, per effetto di quanto previsto dall’art. 2, comma 1, dell’OPCM n. 3754 del 2009 e dall’art. 1 dell’OPCM n. 3837 del 2009 e successive integrazioni .

Rispetto ha quanto sopra è stata emanata dall’Inail la circolare n.34del 18.8.2010 i cui aspetti principali si espongono di seguito. 
 .
  I  seguenti soggetti beneficiari della sospensione dei premi sono i seguenti:

  • le persone fisiche di cui all’art.1, comma 1, dell’OPCM n. 3837/2009, titolari di redditi di impresa o di lavoro autonomo;
  • i soggetti diversi dalle persone fisiche (titolari dei medesimi redditi) con volume d’affari non superiore a 200.000 euro.

Peraltro si afferma che in   attuazione di quanto disposto  dal citato art.39   la  proroga in questione riguarda, in sostanza:

  1. i datori di lavoro privati e i lavoratori autonomi, anche del settore agricolo, operanti alla data del 6 aprile 2009 nei comuni individuati dal Commissario delegato con i decreti n. 3 e 11 del 2009 che sono stati ammessi alla sospensione dei versamenti dei premi assicurativi sino al 30 giugno 2010 che esercitano attività in forma individuale, a prescindere dal volume d’affari realizzato8;
  2. i datori di lavoro privati e i lavoratori autonomi, anche del settore agricolo, operanti alla data del 6 aprile 2009 nei suddetti comuni che sono stati ammessi alla sospensione dei versamenti dei premi assicurativi sino al 30 giugno 2010, diversi dalle persone fisiche, con volume d’affari sino a 200.000 euro.

Onde   usufruire di tale proroga, la circolare stabilisce che i soggetti  interessati debbono trasmettere apposita dichiarazione di responsabilità  attestante il possesso del requisito, nell’anno d’imposta 2009, di un volume d’affari non superiore a 200.000 euro, come espressamente indicato dall’Agenzia delle Entrate nella circolare n.44 E.

Tale dichiarazione deve essere presentata alla competente Sede INAIL, entro trenta giorni dalla pubblicazione della presente circolare.
L’Istituto si riserva di verificare la sussistenza dei requisiti di legge, recuperando eventuali crediti derivanti da eventuali sospensioni indebite con l’applicazione dell’ordinario regime sanzionatorio.

La norma espressamente prevede che non si dia luogo al rimborso di quanto già versato 

In aggiunta l’Inail   ricorda che per gli Istituti di credito ed assicurativi la sospensione del versamento dei premi è terminata al 30 novembre 2009, in quanto tali soggetti sono stati espressamente esclusi dalla proroga della sospensione dal 6.4.2009 al 30.11.2009  Per tali soggetti le modalità di recupero dei premi sospesi dal 6 aprile 2009 al 30 novembre 2009, sono state stabilite in 60 rate mensili di pari importo di cui la prima già scaduta il 16 giugno 2010 

Infine, si fa presente che per i datori di lavoro pubblici la sospensione del versamento dei premi è terminata al 30 aprile 2009, in quanto dal 1° maggio 2009 la sospensione dei versamenti è stata applicata unicamente nei confronti dei datori di lavoro privati .

 

Per quanto riguarda i versamenti la cui riscossione è sospesa per effetto della proroga al 15 dicembre 2010, la circolare in esame  indica  a scopo esemplificativo, le rate del 16 agosto 2010 e 16 novembre 2010 del premio di Autoliquidazione 2009/2010, le rate mensili relative a rateazioni concesse ai sensi della legge n. 389/1989 e tutti gli eventuali pagamenti aventi scadenza in detto periodo, sempreché sussistano i requisiti soggettivi per poter beneficiare della sospensione.

 Infine occorre tener conto che  la legge n. 122 del 2010, all’articolo 39 dispone altresì la ripresa della riscossione dei premi sospesi dal 6 aprile 2009 al 15 dicembre 2010 (comma 3-bis), nonché il recupero dei premi sospesi16 dal 6 aprile 2009 al 30 giugno 2010 (comma 3-quater) per i soggetti non interessati alla proroga della norma in esame.

La ripresa della riscossione avverrà in entrambe le fattispecie in 120 rate mensili di pari importo, a decorrere dal 16 gennaio 2011, senza applicazione di oneri accessori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: