IN VIGORE LEGGE PERSONE SORDOCIECHE

 A seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale  n.161 del 13 scorso,è entrata  in vigore  dal   14.7.2010 la  LEGGE 24 giugno 2010, n. 107 contenente le misure   per il riconoscimento dei diritti alle persone sordocieche ,il cui testo è composto da complessivi sei articoli

Di seguito si evidenziano gli aspetti rilevanti del provvedimeto  legislativo  in questione.

 1 .La legge ha la finalità del  riconoscimento della sordocecità come disabilità specifica unica, sulla base degli indirizzi contenuti nella dichiarazione scritta sui diritti delle persone sordocieche del Parlamento europeo, del 12 aprile 2004.    ,

 2.Sono  definite  sordocieche le persone cui siano distintamente riconosciute entrambe le minorazioni, sulla base della legislazione vigente, in materia di sordità civile e di cecità civile affette da sordocecità, che  percepiscono in forma unificata le indennità loro spettantied anche le eventuali altre prestazioni conseguite rispettivamente per la condizione di sordità civile e cecità civile, erogate dall’Istituto nazionale di previdenza sociale   

3.  Per  i  soggetti ,che alla data di entrata in vigore della  legge risultano già titolari di distinte indennità e prestazioni per entrambe le condizioni di sordità civile e di cecità civile, è riconosciuta l’unificazione dei trattamenti in godimento ed ai   medesimi  continuano ad applicarsi i benefici assistenziali e per l’inserimento al lavoro già riconosciuti dalla legislazione vigente per le due distinte menomazioni.    

4.[ L’accertamento della sordocecità, come definita ai sensi dell’articolo 2, è effettuato dall’azienda sanitaria locale competente per territorio mediante la commissione medica di cui all’articolo 4 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, che procede alla valutazione di entrambe le disabilità sulla base della documentazione clinica presentata dall’interessato. nel corso di un’unica visita alla quale sono presenti entrambi gli specialisti competenti ad accertare la cecità civile e la sordità civile.

5.La condizione di sordocieco viene riconosciuta al soggetto che dall’accertamento risulti in possesso dei requisiti già previsti dalla legislazione vigente rispettivamente in materia di sordità civile e di cecità civile ai fini dell’ottenimento delle indennità già definite in base alle vigenti normative relative alle due distinte minorazioni.

 6.Il verbale di accertamento è sottoposto alla verifica delle competenti commissioni provinciali dell’INPS. 

7. Le modalità di accertamento e di erogazione unificata delle indennità e delle prestazioni si applicano per le domande presentate dalla data di entrata in vigore della presente legge, nonché in occasione di eventuali revisioni programmate.    Interventi delle regioni per il sostegno delle persone sordocieche 

8.Nell’ambito delle proprie competenze e nei limiti delle risorse già disponibili a legislazione vigente in materia socio-sanitaria e di formazione professionale, le regioni possono individuare specifiche forme di assistenza individuale ai soggetti sordociechi, con particolare riferimento alla fornitura di sostegno personalizzato mediante guide-comunicatori e interpreti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: