PILLOLE DI…GIURISPRUDENZA

Si richiama l’attenzione sulle decisioni sotto riportate  relative a questioni in materia di lavoro:

Sentenza Corte Cassazione n.26023 dell’11.12.09: La richiesta di essere accompagnato dal legale di fiducia non fa cadere il diritto del lavoratore licenziato con provvedimento disciplinare di essere ascoltato dal datore di lavoro.Infatti,pur trattandosi di cosa non consentita ,è onere dell’imprenditore procedere alla convocazione precisando che l’audizione può avvenire alla sola presenza di un rappresentante sindacale ,poichè l’anomalia della richiesta non fa venir meno l’obbligo di convocazione.

Sentenza Corte di Cassazione n. 26024 dell’11.12.09:In   tema di Cfl ,l’inadempimento degli obblighi di formazione determina la trasformazione del rapporto fin dall’inizio i rapporto a tempo indeterminato,qualora l’inadempimento abbia un ‘oggettiva rilevanza ,concretizzandosi  nella totale mancanza di formazione,teorica e pratica ,ovvero in un’attività formativa carente o inadeguata rispetto agli obittivi in dicati nel progetto di formazione e quindi trasfusi nel contratto .

-Sentenza Corte di Cassazione n.25750 del 9.12.09 : In materia prevideniale ,a differenza che in quella civile,il regime della prescrizione già maturata è sottratto alla disponibilità delle parti anche per le contribuzioni relative a periodi precedenti l’entrata in vigore della legge n.335/95 e con riferimento a qualsiasi forma di previdenza . Pertanto,unavolta esaurito il termine ,la prescrizione ha  efficacia estintiva e non preclusiva con la conseguenza che opera di diritto,è rilevabile d’ufficio e l’ente previdenziale non può rinunciarvi.

-Sentenzan.25751 del 9.12.09: In tema d’integrazione salariale,nel caso di diniego dell’autorizzazione sussiste la necessità di adire il giudice amministrativo,mentre una volta emanato il provvedimento di autorizzazione sorgono in capo agli interessati posizioni di diritto soggettivo tutelabili di fronte al giudice ordinario.

Sentenza  n.25894del 10.12.09 :L’impiegato cui sono state assegnate ,  al di fuori dei casi consentiti,mansioni superipori ha diritto ,in conformità alla giurisprudenza costituzionale ,ad una retribuzione proporzionata e sufficiente,ai sensi dell’art.36 della Costituzione,senza sbarramenti temporali di alcun genere pure nel pubblico impiego privatizzato ,sempre che le mansioni superiori siano state svolte sotto il profilo quantitativo e qualitativo nella loro pienezza e sempre che siano stati esercitati poteri ed assunte le responsabilità correlate a dette mansioni superiori. 

-Sentenza Corte di Cassazione n.26986 del 22.12.09 :Non possono chiedere di essere inquadrati come dipendenti ,i lavoratori che pur essendo inseriti da tanto tempo nell’organizzazione aziendale e rispondendo alle regole di questa,abbiano mantenuto una pur minima  autonomia.Il caso definito riguardava un co.co.co che esercitava in un’azienda da sei anni ,seguendo le direttive scandite dall’organizzazione ,ma mantenendo la facoltà di assentarsi per lunghi periodi senza essere soggetto a sanzioni disciplinari. La Corte di Casssazione ha detto che la subordinazione va intesa come prestazione alle dipendenze e sotto la direzionedel datore ,mentre non sono rilevanti la continuità della prestazion lavorativa,la rispondenza di questa ai fini propri dell’impresa e le  modalòità di erogazione della retribuzione

Sentenza Consiglio di Stato n.7497/09 : I vincitori di un concorso non hanno un diritto soggettivo incondizionato all’assunzione o allapromozione ,in quanto l’amministrazione può non procedere alla nomina o all’ immissione in servizio per valide e motivate ragioni d’interesse pubblico,che abbiano fatto venir meno la necessità o la convenienza alla coperturadei posti messi a concorso.Inoltre in quel caso le aspettattive dei vincitori non devono essere risarcite. 

Sentenza TAR Lombardia n.5153/09 :Il lavoratore a cui sia stata negata la modifica dell’orario di servizio può chiedere all’ente di conoscere le timbrature dei colleghi onde veri ficare se siano state applicate a tutti e senza discriminazioni le ragioni di servizio portate a giustificazione del mancato accoglimento della domanda di modifica dell’orario .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: