INAIL AGGIORNA INCENTIVO BONUS MALUS PER IMPRESE SICURE

L’argomento del titolo è trattato dalla nota dell’Inail n.8601 del 21 scorso, in merito a cui si evidenziano di seguito gli aspetti significativi .

In primo luogo si prevede che le imprese interessata da miglioramenti delle condizioni di sicurezza e di igiene nei luoghi di lavoro, in aggiunta a quelli minimi previsti dalla normativa in materia, possono presentare, entro il 31 gennaio, istanza di riduzione del tasso medio di tariffa .Vale a dire che il datore di lavoro che abbia investito in sicurezza migliorandone i livelli di tutela oltre il minimo previsto dalla normativa, può richiedere l’applicazione del bonus malus che consiste della riduzione del premio assicurativo del 5% (imprese fino a 500 dipendenti) o del 10% (altri casi). L’oscillazione si richiede annualmente in relazione all’anno precedente, durante il quale devono risultare effettuati gli investimenti migliorativi per la sicurezza. Il prossimo appuntamento apunto è fissato al 31 gennaio 2010.

Inoltre si sottolinea che a seguito del D.Lgs. 81/2008 che ha comportato un’evoluzione nella prevenzione, ma anche per la necessità di semplificare ulteriormente gli adempimenti per la compilazione dell’istanza, si è determinata l’esigenza di una complessiva rivisitazione del modello e dei relativi allegati, da parte dell’Istituto, in cui le
novità più rilevanti riguardano, in particolare, la valorizzazione degli interventi svolti nell’ambito di accordi tra INAIL e Parti Sociali o Organismi del Sistema della Bilateralità, la valorizzazione delle procedure per la selezione di fornitori che rispettano la normativa in materia di igiene e sicurezza sul lavoro particolarmente rilevanti e il rafforzamento del ruolo della formazione in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro

Infine in ordine agli allegati,viene segnalato che per facilitare le aziende nella compilazione dell’istanza è stato migliorato il questionario per la valutazione della Responsabilità Sociale delle imprese (All. I) attraverso l’introduzione di una sezione a risposta multipla e, infine, è stato predisposto uno specifico allegato (n. III) per valutare il sistema di scelta dei fornitori attenti alla salute e sicurezza sul lavoro.

Peraltro, in riferimento alla “Guida alla compilazione”, aggiornata anche con riferimento alle disposizioni contenute nel D.M. 24 ottobre 2007 prevedendo la concessione al datore di lavoro di un termine non superiore a 15 giorni per regolarizzare la propria posizione,si evidenzia che l’agevolazione è applicabile con riferimento alla “regolarità contributiva” e a tutti i casi in cui la “regolarità assicurativa” produce riflessi sulla regolarità contributiva, incidendo sul dovuto ,mentr non rileva l’irregolarità assicurativa che si isolve in violazioni meramente formali ,passibili di sanzioni amministrative.

Infine risulta precisato ,circa l’applicazione dell’ art. 7 comma 3 del D.M. 24 ottobre 2007 che per stabilire quali irregolarità ricadono nella vigenza della normativa stessa, è necessario considerare la data del provvedimento che revoca il beneficio e che, pertanto, tutte le irregolarità, come sopra definite, accertate dopo la data di entrata in vigore del citato decreto, anche se commesse in epoca antecedente, potranno essere sanate invitando il datore di lavoro a regolarizzare la propria posizione entro un termine massimo di 15 giorni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: