PILLOLE DI…GIURISPRUDENZA

In riferimento agli argomenti trattati ed ai principi affermati,si richiama l’attenzione sulle seguenti decisioni della magistratura :

– Sentenza Corte di Cassazione n.21165/09 : quando l’uso privato del telefono in dotazione dell’ufficio della pubblica amministrazione non riveste il carattere della sporadicità e dell’urgenza,lo stesso configura l’addebito per peculato in capo al dipendente pubblico,scoperto ad effettuare numeose telefonate personali non riconducibili a ragioni di servizio ,realizzando in due anni chiamate per circa duemila euro

– Sentenza Corte di Cassazione n.13101/09 : il tepestivo pag amento della multa per violazione al codice della strada comporta l’acquiescenza alla della sanzione ed il riconoscimento della propria responsabilità ed impedissce al trasgressorela presentazione successiva del ricorso

– Ordinanza Consiglio di Stato n. 3968/09 : non si applica agliavvocati dipendenti degli uffici legali delle pubbliche amministrazioni larilevazione delle presenze ,pertanto sono illgittime le disposizioni di servizio che dispongono l’obbligo dell’uso del cartelino marcatempo a detto personale,in relazione alla delicatezza e peculiarietà dello status degli avvocati ,le cui attività risultano rese organizzando in autonomia i propri servizi e le le propie funzioni,che in gra parte si svolgono fuori degli uffici di appartenenza

– Sentenza del Tribunale di Roma n.10436 / 09 : non occorre la contrattazione colletiva per istituire la vicedirigenza nella pubblica mministrazione e l’art.8 della legge n.15/09 non costitisce efficace norma d’interpretazione autentica in senso contrario.I vicari dei manager pubblici sarebbero già stati istituiti in via immediata e diretta dall’art.17 bis del dec.leg.vo n.165/01 .Risulterebbe leso un vero e proprio diritto soggettivo dell’interessato all’inquadramento nella nuova categoria l’Aministrazionche resta inrte in ttesa di una contrattazione collettiva che non ha sinora attuato la disciplina del citato art.17 bis

-Sentenza TAR Piemonte n.2128/09 :per il consigliere comunale risulta sufficiente la richiesta verbale per ottenere la copia degli atti utili al mandato ,in quanto il diritto di accesso del predetto non subisce i vincoli e le limitazioni del cittadino comune ,pur se le ragioni alla base della richiesta di accesso non devono essere emulative e fondarsi su esigenze generiche

-Sentenza Corte di Cassazione n.17495/09 :malgrado che agli effetti della transazione resti insensibile l’obbligazione contributiva,rispetto alle somme liquidate al lavoratore a titolo conciliativo,l’Inps può azionare il credito contributivo nei confronti del datore di lavoro,provando con quasiasi mezzo che le eventuali somme concesse al suddetto titolo sono assoggettabili a contribuzione

– Sentenza Corte di Cassazione n.17837/09 : l’uso aziendale,appartenendo al novero delle fonti sociali ,che comprendono i contratti collettivi ed i regolmnti d’azienda,agisce rispetto ai singoli rapporti individuali con efficacia pari a quella di un CCNL

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: