ACCERTAMENTO DIRITTO PRESTAZIONI COLLEGATE AL REDDITO

Si richiama l ‘attenzione sui commi da 8 a 13 dell’art.35 del decreto legge n.207/08 convertito in legge n.14/09,il cui testo coordinato risulta pubblicato sul supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n.49 del 28.2.09 prevedendo quanto segue:
8. Ai fini della liquidazione o della ricostituzione delle
prestazioni previdenziali ed assistenziali collegate al reddito, il reddito di riferimento e’ quello conseguito dal beneficiario e dal coniuge nell’anno solare precedente il 1° luglio di ciascun anno ed ha valore per la corresponsione del relativo trattamento fino al 30giugno dell’anno successivo.
9. In sede di prima liquidazione di una prestazione il reddito di riferimento e’ quello dell’anno in corso, dichiarato in via presuntiva.
10. Per i procedimenti di cui all’allegato A rilevano i redditi da lavoro dipendente, autonomo, professionale o di impresa conseguiti in Italia, anche presso organismi internazionali, o all’estero al netto dei contributi previdenziali ed assistenziali, conseguiti nello stesso anno di riferimento della prestazione.
11. Per consentire agli enti previdenziali erogatori di rilevareannualmente i redditi, i soggetti percettori di prestazioni collegate al reddito sono tenuti ad effettuare la comunicazione dei dati reddituali entro il 30 giugno di ciascun anno.
12. Ai soggetti che omettono la presentazione della comunicazione dei dati reddituali nel termine previsto al comma 11, previo avviso da parte degli enti previdenziali e decorso inutilmente il termine ditrenta giorni dal ricevimento dello stesso, viene sospesa
l’erogazione della prestazione collegata al reddito a partire dal rateo del mese di ottobre.
13. In caso di presentazione della comunicazione dei dati reddituali nel termine previsto per la presentazione della successiva comunicazione, la prestazione sospesa e’ ripristinata a partire dal mese successivo con erogazione degli arretrati. Qualora la
presentazione della comunicazione non avvenga entro iltermine di cui mal periodo precedente non si da’ luogo alla corresponsione di alcun arretrato.
Rispetto alle suddette disposizioni ,l ‘Inps ha fornito istruzioni operative e di chiarimento alle strutture ed all’utenza con la circolare n.62 del 22 scorso,il cui testo integrale si può consultare e scarirare riportandosi al sito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: