CHIARIMENTI MINISTERO LAVORO SU DURC

 Il Ministero del Lavoro,d’intesa con Inps ed Inail,ha ritenuto confacente fornire ulteriori chiarimenti sul Durc ,  contenuti nella circolare n.34 del 15 scorso,di cui di seguito si evidenziano gli aspetti  rilevanti.

Anzitutto, in ordine al rispetto degli accordi contratti collettivi  comportante la concessione dei benefici normativi e contributivi  previsti dalla normativa in materia di lavoro e legislazione sociale ,trova conferma l’indicazione che occore rispettare la parte economica e normativa dei predetti e non anche quella c.d. obbligatoria,restando stabilito peraltro che  per tale circostanza non possa farsi uso dell’autocertificazione  .

Inoltre,per   quanto concerne la verifica del possesso dei requisiti per il rilascio del Durc ai fini della concessione dei benefici contributivi ,la circolare  ministeriale in commento precisa che la richiesta di un beneficio contributivo equivale alla richiesta di verifica circa la sussistenza dei presupposti per il rilascio del Durc, ,ricordando che non  è possibile l’emissione del Durc per determinati periodi tempo in conseguenza della violazione  delle fattispecie penali  ed amministrative indicate nella tabella A del DM 24.10. 2007  ,di conseguenza necessita che si provveda alla   presentazione dell’autocertificazione (come da fac simile allegato alla circolare)  alla DPL territorialmente competente secondo la sede legale aziendale, da fornire una sola volta, con  l’impegno di tempestiva comunicazione di eventuali  variazioni  alla   medesima struttura.

Si chiarisce altresì ,in  merito all’invio dell’autocertificazione de quo,su cui potranno essere  effettuate verifiche a campione,  che ,in attesa  della procedura informatizzata in corso di realizzzione ,  è consentito sia il deposito diretto presso l’Ufficio competente sia la spedizione con raccomanda  postale a.r.,tenendo conto che   lo stesso deve avvenire entro il 30.4.09 da parte dei datori di lavoro che già usufruiscono dei benefici contributivi ,compresi quelli che hanno  già rimesso agli istituti previdenziali dette autocertificazioni.

Infine  per  i  datori di lavoro che non hanno ancora richiesto alcun beneficio contributivo,la direttiva del M .L .prevede che l’invio dell’autocertificazione deve precedere la prima richiesta del citato beneficio,ferma restando in sede di prima applicazione ,il termine del 30.4.08.

La parte  conclusiva dei chiarimenti ministeriali risulta dedicata alla previsione dell’art.7 comma 3 del DM 24 .10.07 relativa all’invito che istituti,casse edili ed enti bilaterali  in assenza dei requisiti per il rilascio del Durc devono rimettere ai datori di lavoro prima  di emanare  provvedimento di   competenza entro  un termine non superiore a 15 giorni,ed in proposito viene sottolineato che  esso decorre  dalla notifica  dell’inadempienza  contributiva accertata, mentrte il suo superamento  comporta di  ritenere irregolarte l’azienda e procedere al recupero delle somme indebitamente trattenute dal datore di lavoro .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: