ESAME DISEGNO LEGGE COLLEGATO FINANZIARIA 2009-PARTE QUARTA:MODIFICHE DISCIPLINA PERMESSI PER ASSISTENZA PORTATORI HANDICAP,CERTIFICATI MALATTIA ED ASSENZE PER MALATTIA PERSONALE COMPARTO SICUREZZA E DIFESA

 Preliminarmente è da menzionare   la delega che s’intende attribuire al Governo, affinche’ entro sei mesi  emani uno o più decreti legislativi finalizzati  al riordino della normativa vigente in materia di congedi ,aspettative e permessi, comunque denominati ,fruibili dai lavoratori  dipendenti di datori di lavoro pubblici  o privati in base ai principi e criteri direttivi specificati  nell’art.17 del ddl n.1167 in esame. 

Per quanto riguarda gli  argomenti specificati  nel titolo ,di seguito si evidenziano per ciascuno degli stessi gli aspetti significativi e rilevanti.

 

1.MODIFICHE DISCIPLINA PERMESSI ASSISTENZA PORTATORI HANDICAP IN CONDIZIONI DI GRAVITA’

Anzitutto si sottolinea che  si prevede la sostituzione  del     testo precedente del comma 3 dell’art.33 della legge n.104/92  ,   disponendo che  per fornire assistenza a persona portatrice di handicap in condizione di gravita’e non ricoverata a tempo pieno,il lavoratore dipendente pubblico o privato  ha diritto a fruire di tre giorni di permesso mensile  retribuito coperto da contribuzione figurativa, da utilizzare anche in maniera continuativa.

Le persone da assistere risultano  così individuate   : coniuge ,parente o affine entro il secondo grado ovvero entro il terzo grado, qualora i genitori o il coniuge della persona in condizione di gravita’ da assistere abbiano compiuto i 65 anni d’età  oppure  siano anch ‘ essi affetti  da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti.

 Viene chiarito peraltro che Il diritto al permesso non può venire riconosciuto a più di un lavoratore dipendente per assistere la medesima persona in condizione di gravità,mentre nel caso di assistenza allo stesso  figlio in  condizione di gravità il diritto ai permessi è ricosciuto ad entrambi i genitori,anche adottivi,che possono fruirne alternativamente.

Inoltre viene modificata una parte  del testo del comma 5 del citato art.33,in quanto  si riconosce   al      lavoratore dipendente che assiste una persona in condizione di gravità  il diritto di scegliere la sede di lavoro più vicina,non già al   domicilio proprio,bensì’ a quello della persona da assistere.

Infine, nel comma 7 bis aggiunto allo stesso art .33 si prevede,accanto alla verifica della responsabilità  disciplinare,la decadenza dal diritto ai permessi  in questione a carico del lavoratore dipendente nell’ipotesi che il datore di lavoro  accerti ,avvalendosi dei competenti organi della pubblica amministrazione ,l’insussistenza o il venir meno delle condizioni richieste per la legittima fruizione dei predetti .

Altre norme  in  cui  s’intende  apportare variazioni  sono : 1)l’art.42 del dec.leg.vo n.151/01,per il quale ,oltre alla soppressione del comma 3,risulta programmata  la sostituzione  del comma 2 , venendo stabilito  il riconoscimento ad entranbi i genitori ,anche adottivi,di bambino in situazione di gravità il diritto di fruire  alternativamente   dopo il compimento del terzo  anno d’età dei permessi  di cui all’art .33 comma 3 legge n.104/92,con la precisazione che si consente il godimento  degli stessi    anche in maniera continuativa nell’ambito del mese ;   2) l’art.20 comma 1 della legge n.53/2000, per cui dovrebbe registrarsi la soppressione delle  parole da “nonchè” a  ” non convivente “,risultanti ormai superate  a seguito delle   nuove disposizioni in materia   di permessi  sopra riportate ; 3) il comma 5 dell’art.71 del dec.legge  n.112/08 riguardante la non equiparazione alla presenza in servizio  delle assenze per malattia dei dipendenti  delle pubbliche amministrazioni ai fini della distribuzione delle somme dei fondi per la contrattazione integrativa ,fatte salve quelle derivanti da specifiche situazioni e condizioni personali,il cui testo e’ in odore di abrogazione.

Si conclude sull’argomento evidenziando la previsione dell’obbligo a carico delle pubbliche amministrtazioni  di comunicare alla  Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento Funzione Pubblica-  una serie di dati ed informazioni sui permessi usufruiti per la legge n.104/92 ,al fine   di costituire una banca dati informatica per  procedere ad opportuni monitoraggi  del fenomeno ed intervenire  anche con modifiche normative funzionali a combattere e prevenire irregolarità ed abusi in materia.

 

 

2.   CERTIFICATI DI MALATTIA  ED ASSENZE PER MALATTIA PERSONALE COMPARTO DIFESA E SICUREZZA

 

In primo luogo si prevede che, per   realizzare un quadro informativo delle assenze per malattie del personale dipendente pubblico e privato,    dal 1° gennaio 2009 la certificazione sanitaria relativa  ad assenza per malattia deve essere rimessa direttamente dal medico o dalla struttura sanitaria che la rilascia all’INPS,conformandosi alle modalità stabilite per la trasmissione telematica dei certificati medici nel settore privato dalla normativa vigente.Sarà cura dell’Istituto  inoltrare detta certificazione immediatamente all’amministrazione o datore di lavoro privato  interessati.

 Inoltre si precisa ,a modifica di quanto riportato al comma 2 dell’art.71 dec.legge n.112/08 convertito in legge n.!33/08,il cui testo precedente  è  sostituito  ,che la certificazione  medica  da produrre per la malattia dei pubblici dipendenti va rilasciata da una struttura sanitaria pubblica ovvero da un medico convenzionato con il servizio sanitario  nazionale.

 Infine è da notare la previsione che a decorrere dall’anno 2009  per le assenze per malattia di cui all’art.71 comma 1 del dec.legge n.112/08 del personale del comparto  sicurezza e difesa ,nonchè del personale del Corpo nazionale  dei vigili del fuoco gli emolumenti di carattere continuativo correlati allo specifico status ed alle peculiari condizioni d’impiego di tale pertsonale sono equipartati  al trattamento economico fondamentale  

Resta inteso che  le disposizioni sopra riportate saranno efficaci ed applicabili  soltanto   a seguito della loro approvazione definitiva da parte del Parlamento e  della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Una Risposta to “ESAME DISEGNO LEGGE COLLEGATO FINANZIARIA 2009-PARTE QUARTA:MODIFICHE DISCIPLINA PERMESSI PER ASSISTENZA PORTATORI HANDICAP,CERTIFICATI MALATTIA ED ASSENZE PER MALATTIA PERSONALE COMPARTO SICUREZZA E DIFESA”

  1. azzurra Says:

    conosco dipendenti del ministero della difesa che usufruiscono da anni della legge 104/92 mentre il disabile è ricoverato c/o una casa famiglia e che torna a casa dal padre vivente dal sabato pomeriggio al luned’ mattina per poi ritornarvici la settimana dopo. Il lavoratore in questo modo non assiste il disabile è ovvio ma prende i giorni per uso personale , è parente di 2 grado. Ministro Brunetta perchè invece di scervellarsi sulle modifiche di tale legge a discapito del malato vero non effettua controlli ai suoi dipendenti e non approfondisce insieme all’INPDAP che paga comunque i giorni per intrallazzo (tenere i nipotini, andare al supermercato o organizzarsi il week end nella 2 casa) i? Le consiglio di sbrigarsi, la persona in questione tra pochissimi anni andrà in pensione alla barba di chi non può godere della indicata legge, termino dichiarando che il lavoratore in questione è impiegato modello all’aeroporto militare di centocelle e lavora in un ufficio di grande coordinamento. Grazie Ministro Grazie Ministro Grzie
    Saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: