PARERE DEL CONSIGLIO DI STATO IN MATERIA DI REGOLARIZZAZIONE LAVORO NERO

 

In base alla definizione  della legge (art   36 bis  legge n.248/06 ) ,è lavoratore in nero quello non risultante da  scritture o altra documentazione obbligatoria  . In pratica  risulta in linea di massima tale il prestatore che svolge attività lavorativa senza contratto e senza busta paga e che quindi formalmente risulta non occupato.

Per combattere  il triste fenomeno del lavoro nero ,dopo altri precedenti provvedimenti normativi, che purtroppo non hanno sortito gli effetti sperati,il legislatore ha messo in campo  la disciplina  contenuta nei commi da 1191 a 1201 della legge n.296/06 con   l’ob iettivo di  incentivare l’emersione del predetto fenomeno negativo,tanto più dannoso  in quanto altera la normale concorrenza tra le imprese  .

Il meccanismo della  citata disciplina legislativa ha previsto    la possibilità per  tutti i datori di lavoro di non pagare   un terzo dei contributi previdenziali,assistenziali ed assicurativi evasi nel periodo dichiarato d’irregolare   impiego di ma nodopera e ciò anche quando  siano intervenuti accertamenti e sanzioni amministrative per  evasioni contribuitive aventi carattere non definitivo .

Per   avviare la procedura dell’emersione in parola,il datore di lavoro    d’ accordo con le rappresentanze sindacali e  con eventuale  conciliazione con il prestatore interessato,deve aver  rivolto  formale istanza alla sede competente dell’Inps,utilizzando la modulistica di cui alla circolare n.116 del 7.9.07  ,improrogabilmente entro il termine del 30.9.2008  

  secondo la   previsione della legge n.31/08 ,di conversione del dec.legge n.248/07 .  

Le istanze prodotte entro la scadenza stabilita ,dopo la relativa istruttoria    dell’Inps  , passano all’esame e definizione  della  Commissione  formata dai direttori   delle sedi di ciascuna provincia  di DPL,Inail ed Inps.  

Accade che  una Ditta , interessata ad una pratica di emersione  in favore di due lavoratori utilizzati in nero, si è vista respingere l’istanza di regolarizzazione e relative  agevolazioni contributive dallacompetente Commissione provinciale con provvedimento motivato dal fatto che i lavoratori sarebbero stati regolarizzati in data antecedente l’accordo sindacale previsto dalla normativa  ,la quale tuttavia non pone alcune termine perentorio per porre in essere i vari adempimenti,tranne quello per proporre la domanda di regolarizzazione.

Nell’ambito della procedura  prevista per il predetto ricorso straordinario, necessita conseguire   il parere del Consiglio di Stato,che    , espresso con atto n.2008°1073 del 24 settebre 2008 , risulta  porsi  in senso contrario alla tesi negativa del Ministero del Lavoro  ,in quanto afferma che dalle disposizioni legislative che disciplinano la materia dell’emersione non sembra emergere un principio ostativo alla sanatoria per quelle imprese  che,come nella specie,a seguito di accertamenti ispettivi abbiano immediatamente regolarizzato   le posizioni dei  propri lavoratori irregolari  e solo successivamente abbiano stipulato l’accordo aziendale o sindacale da  allegare all’istanza di regolarizzazione.Quello che conta,aggiunge il Consiglio di Stato, è che l’accordo sia stato allegato alla domanda e che con esso siano state realizzate le due finalità considerate dalle  disposizioni in esame:da un lato l’emersione del lavoro nero,con conseguente beneficio dei lavoratori e delle casse dell’erario;dall’altro la stabilizzazione seppure limitata dei lavoratori, come prevista dal comma 1200 della legge n.296/06 .Finalità che nel caso in esame l’accordo aziendale persegue ,poiché lo stesso non solo ha preso atto dell’avvenuta regolarizzazione dei lavoratori mediante contratto di lavoro subordinato già stipulati,ma ha anche disposto la proroga degli stessi al fine del raggiungimento del termine minimo biennale previsto dal legislatore come condizione per la regolarizzazione stessa.    

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: