INDENNITA’ UNA TANTUM 2012 CO.CO.CO. CHIARIMENTI INPS

Con il sottostante  messaggio n.6762 del 19.4.2012 ,l’Inps fornisce chiarimenti e rispoinde ai quesiti sull’argomento del titolo.

——————————————-

INPS – Messaggio 19 aprile 2012, n. 6762

Indennità c.d.”una tantum” Co.co.pro.- liquidazione anno 2012 – risposte a quesiti.

1. Premessa

L’articolo 6, comma 1, lettera c), decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, convertito, con

modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 14, come già noto (cfr msg 4592 del 14.03.2012), ha

disposto – anche per l’anno 2012 e “nel limite di spesa per il 2012 pari ad euro 13 milioni” – la

prosecuzione dell’intervento a sostegno del reddito a favore dei collaboratori coordinati e

continuativi a progetto, istituito dall’articolo 19, comma 2, decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185,

convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 e, successivamente, sostituito

dall’art.2, comma 130 della legge n. 191/2009.

Poiché la norma non ha innovato in materia di requisiti, si riconfermano, anche per l’anno 2012,

tutte le condizioni che devono essere soddisfatte all’atto di presentazione della domanda e, in

particolare:

- monocommittenza, con riferimento all’ultimo rapporto di lavoro;

- dato reddituale riferito all’anno precedente;

- accredito contributivo di almeno una mensilità nell’anno di riferimento e di almeno tre mensilità

nell’anno precedente;

- assenza di contratto di lavoro da almeno due mesi (condizione che deve, comunque, persistere al

momento della presentazione della domanda di prestazione).

La domanda di prestazione deve essere presentata nel termine di 30 giorni dalla data in cui risultano

essersi verificati i presupposti brevemente illustrati. Restano ferme le disposizioni impartite con le

circolari 26 maggio 2009, n. 74 e 9 marzo 2010, n. 36, riferite alle indennità 2009 e 2010; e i

messaggi 7 febbraio 2011, n. 3040 e 22 febbraio 2011, n. 4357, per la prestazione il cui evento “fine

lavoro” si sia verificato nell’anno 2011.

Il modello di domanda, anche per il 2012 è quello già in uso (COD.SR92) per gli anni precedenti; la

mancanza di un espresso termine di decadenza, potrebbe comportare che – sebbene entro i limiti sia

richiesta la prestazione in parola anche per casi in cui l’evento di “fine lavoro” si sia verificato

nell’anno 2009; in tali casi, atteso che i requisiti previsti dalle norme di legge di riferimento sono

parzialmente diversi, il modello da utilizzare è quello indicato con ” COD.SR82″.

2. Risposte a quesiti

Sono pervenuti a questa Direzione centrale numerosi quesiti relativi alla prestazione una tantum in

argomento in favore dei collaboratori coordinati e continuativi di cui all’art.61, comma 1, del

decreto legislativo n. 276 del 2003 e successive modificazioni.

Al riguardo, si forniscono i seguenti chiarimenti anche ai fini dell’istruttoria dei relativi ricorsi

amministrativi:

1) Rapporti di collaborazione per i quali è prevista la prestazione una tantum

Il legislatore limita la prestazione in parola ai “collaboratori coordinati e continuativi di cui

all’art.61, comma 1, del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276 e successive modificazioni”.

I beneficiari sono dunque solo i soggetti che abbiano stipulato un regolare contratto di lavoro a

progetto come regolamentato dalla citata disposizione (c.d. co.co.pro.).

Sono pertanto esclusi tutti i lavoratori che, a vario titolo, sono iscritti alla Gestione separata e il cui

rapporto di lavoro non sia inquadrabile nell’ambito di applicazione del citato articolo 61, comma 1

(ad esempio, i c.d. mini co.co.co., i lavoratori autonomi occasionali, etc).

Per quanto riguarda le collaborazioni con le PP.AA., si precisa che sono esclusi dalla predetta

prestazione tutti coloro che abbiano stipulato rapporti di lavoro diversi dal contratto di

collaborazione a progetto (ad esempio, gli assegnisti di ricerca o i partecipanti a dottorati di ricerca

con borsa di studio) ovvero i soggetti che svolgano un mero rapporto di collaborazione coordinata e

continuativa, ai sensi dell’articolo 61, comma 2, del D.Lgs. n.276/2003. Cfr. circolare Presidenza

del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Funzione pubblica – 15 luglio 2004, n. 4

laboratore).

Occorrerà pertanto verificare la corretta qualificazione del rapporto di lavoro: non è possibile, ad

esempio, qualificare un dottorato di ricerca come rapporto di lavoro a progetto.

2) Iscrizione esclusiva alla gestione separata

La prestazione una tantum è prevista solo per i soggetti non assicurati presso altre casse

previdenziali (con esclusione dunque dei soggetti che siano già titolari di pensione ovvero provvisti

di altra forma pensionistica obbligatoria).

A tal proposito è utile rammentare che ai co.co.pro. iscritti in via esclusiva alla gestione separata si

applica:

- per l’anno 2012, l’aliquota del 27,72 %;

- per gli anni 2010 e 2011, l’aliquota del 26,72 %;

- per l’anno 2009, l’aliquota del 25,72 %.

Dette aliquote sono comprensive della percentuale dello 0,72 per finanziare l’indennità di maternità,

l’assegno per il nucleo familiare, l’indennità di malattia e di degenza ospedaliera.

Ai co.co.pro. che risultino iscritti anche ad altre forme previdenziali obbligatorie o che siano

pensionati si applica invece l’aliquota del 17% e ad essi è preclusa la prestazione in parola.

3) Monocommittenza.

La monocommittenza implica l’avere lavorato per un unico datore di lavoro.

Come indicato nella circolare 9 marzo 2010, n. 36, tale caratteristica deve essere riferita al periodo

di tempo relativo all’ultimo rapporto di lavoro, ossia quello al termine del quale si è verificato

l’evento “fine lavoro”. Più precisamente occorre verificare se nel predetto periodo di riferimento il

richiedente abbia fornito la propria collaborazione in favore di più committenti; in tale caso, è

esclusa la monocommittenza e, dunque, la prestazione.

In altri termini sono in regime di monocommittenza tutti i co.co.pro. che per il periodo di lavoro

considerato ai fini della prestazione a sostegno del reddito in oggetto, non abbiano svolto

contemporaneamente altro rapporto di lavoro o altra collaborazione in favore rispettivamente di un

datore di lavoro o altro committente.

E’ quindi possibile che nello stesso anno solare il beneficiario della prestazione abbia operato con

diversi committenti purché i relativi periodi di co.co.pro. non si sovrappongano.

Così, ad esempio, il requisito della monocommittenza può ritenersi soddisfatto nel caso in cui il

collaboratore a progetto abbia operato in favore di un committente nel periodo 1° gennaio – 30

giugno, e a favore di un altro committente nel periodo 1° luglio – 31 dicembre; viceversa il predetto

requisito non può ritenersi sussistente nel caso in cui nel medesimo periodo di riferimento (1°

luglio-31 dicembre) risultino stipulati più contratti di collaborazione in favore di diversi

committenti.

4) Reddito lordo nell’anno precedente non inferiore a 5.000 € e non superiore a 20.000 € per

gli anni 2010 , 2011 e 2012; per l’anno 2009, il reddito massimo non dovrà essere superiore al

minimale previsto annualmente per l’accredito contributivo (ex art. 1 co.3 della L. 233/1990)

Il requisito reddituale richiesto dalla legge va accertato con riferimento ai redditi percepiti nell’anno

precedente all’anno di riferimento, cioè all’anno in cui si è verificato l’evento “fine lavoro”.

Pertanto:

- per le domande il cui anno di riferimento è il 2012, occorre accertare i redditi 2011;

- per le domande il cui anno di riferimento è il 2011, occorre accertare i redditi 2010;

- per le domande il cui anno di riferimento è il 2010, occorre accertare i redditi 2009;

- per le domande il cui anno di riferimento è il 2009, occorre accertare i redditi 2008. In tale anno il

limite massimo reddituale previsto per l’accredito contributivo è di 13.819 € (cfr. circolare n.

74/2009, cd. minimale di reddito);

Circa il reddito da considerare, si ritiene che lo stesso vada identificato con il reddito soggetto a

contribuzione e, quindi, con il reddito lordo complessivo di cui alla parte C, sezione 2 punto 12 cud

5) Accredito di mensilità nell’anno di riferimento

Per gli anni di riferimento 2010, 2011 e 2012 (si ribadisce che non si tratta degli anni in cui è stata

presentata la domanda), l’accredito di mensilità non può essere inferiore ad uno.

Per l’anno di riferimento 2009, l’accredito di mensilità non può essere inferiore a tre (cfr art. 19,

comma 2, lettera c del D.L. 185/2008, nel testo vigente fino alla modifica prevista dalla legge n.

191/2009, art. 2, comma 130).

6) Accredito nella gestione separata di almeno tre mensilità nell’anno precedente l’anno di

riferimento

Nell’anno precedente il periodo in cui si è verificato l’evento “fine lavoro”, devono essere presenti

almeno tre mesi di contribuzione nella Gestione separata.

Esclusivamente per i rapporti di lavoro co.co.pro. il cui evento di fine lavoro si è verificato

nell’anno 2009, unitamente al predetto requisito minimo di accredito contributivo nell’anno

precedente (tre mesi), dovrà accertarsi anche che nello stesso precedente anno risultino privi di

copertura contributiva, presso la Gestione separata, almeno due mesi.

Sul punto si chiarisce che, analogamente a quanto previsto per l’indennità di disoccupazione e in

mancanza di una espressa norma di legge in senso contrario, sono da considerare utili ai fini della

prestazione in oggetto anche i periodi di contribuzione figurativa.

7) Assenza di contratto di lavoro prima dell’inoltro della domanda

L’assenza di contratto da almeno due mesi è da intendersi come mancanza di lavoro al momento

della domanda.

Al riguardo, l’interessato dichiara nella stessa domanda di avere i requisiti previsti nella norma di

legge.

Al fine della verifica del predetto requisito si dovrà fare un riscontro verificando nell’ultimo emens,

prodotto dal committente, la data di fine attività.

Tale elemento potrebbe non essere sufficiente ad escludere l’assenza di lavoro in quanto in presenza

di un pagamento differito del compenso, il committente effettuerà l’e-mens esclusivamente al momento del pagamento. Pertanto, con riferimento al periodo di lavoro,occorrerà consultare anche

le dichiarazioni contenute in Unilav.

Tale requisito è previsto solo per gli anni di riferimento relativi al 2010, 2011 e 2012.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 269 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: