ISTRUZIONI MINISTERO INTERNO RIDUZIONE NUMERO CONSIGLIERI E ASSESSORI ENTI TERRITORIALI

In vista delle prossime elezioni amministrative che si terranno per il rinnovo di numerose  amministrazioni comunali e provinciali ,il Ministero dell’Interno ha ritenuto di richiamare l’attenzione  sulle disposizioni legislative  che hanno ridimensionato il numero dei consiglieri ed assessori degli eni territoriali attraverso le circolari del 16. 02/2012  n 2379 e del 18.2.2012 n.2915 ,che sono riportate di seguito

—————————————————-

Prot.n.2379 del 16.2.2012

OGGETTO: Articolo 16, comma 17, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito dalla legge 14 settembre 2011, n. 148, concernente la riduzione del numero dei consiglieri e degli assessori comunali per i comuni fino a 10.000 abitanti.

Com’è noto, nelI’ambito degli interventi volti al contenimento della spesa pubblica, con l’art. 16, comma 17, del decreto legge 13 agosto 2011. n. 138, convertito dalla legge 14 settembre 201, n. 148, il legislatore è intervenuto per ridurre il numero dei consiglieri e degli assessori per i comuni fino a 10,000 abitanti.

A decorrere dal primo rinnovo di ciascun consiglio comunale successivo alla data dì entrata in vigore della legge di conversione (17 settembre 2011) è pertanto prevista una riduzione ulteriore, rispetto a quanto già previsto dalla legge n. 42/2010, del numero dei componenti degli organi collegiali dei comuni compresi nella classe demografica fino a 10.000 abitanti.

In considerazione delle prossime consultazioni amministrative si ritiene opportuno richiamare l’attenzione sul disposto normativo che ha delineato la nuova composizione dei consigli, e del numero degli assessori, per tutti i comuni con popolazione fino a 10.000 abitanti, suddividendoli, altresì, in nuove fasce demografiche.

      Di conseguenza è stato modificato l’art. 37 del d.lgs. n. 267/2000.

Per maggiore chiarezza si acclude alla presente un prospetto predisposto dal Ministero dell’Interno che sintetizza,  per i comuni fino a 10.000 abitanti, la situazione pregressa e attuale relativa alla composizione dei consigli comunali ed al numero massimo degli assessori.

           Con specifico riguardo ai comuni con popolazione fino a 1.000 abitanti, si segnala che la lettera a) dell’art. 16, comma17, haprevisto la presenza dei soli consiglieri comunali.

Per tale fascia demografica, infatti, non è prevista la figura degli assessori, risultando, pertanto, attribuite esclusivamente al sindaco  le competenze della giunta comunale.

Ciò posto sì rileva che le esigenze di armonizzazione complessiva del sistema ordinamentale e di salvaguardia del funzionamento dell’ente locale comportano la necessaria presenza del vicesindaco per l’esercizio delle indefettibili funzioni sostitutive che l’art. 53 assegna a tale figura che dovrà, pertanto, essere nominata tra i consiglieri eletti.

In particolare si osserva che la riforma disposta per i comuni con popolazione fino a 1.000 abitanti con la norma in oggetto si pone in linea di continuità con la previsione di cui all’art. 2, comma 186, lettera c) della legge 23 dicembre 2009, n. 191, come modificato dal d.l. 25 gennaio 2010, n. 2 convertito in legge 26 marzo 2010, n. 42 (legge finanziaria 2010), che prevede, per i comuni con popolazione fino a 3.000 abitanti, la “… possibilità di delega da parte del sindaco dell’esercizio di proprie funzioni a non più di due consiglieri, in alternativa alla nomina degli assessori…..”.

Per completezza si fa rilevare che la determinazione numerica degli assessori rientra nella materia “organi di governo”  dei comuni rimessa, ai sensi dell’art. 117, comma 2, lett p) della Costituzione, alla potestà legislativa esclusiva dello Stato; pertanto le disposizioni statutarie, allorché incompatibili con intervenute modifiche normative, non trovano applicazione anche in relazione a quanto disposto dal comma 3 dell’art. 1, del d.lgs. n. 267/2000, per il quale “l’entrata in vigore di nuove leggi che enunciano espressamente i principi che costituiscono limite inderogabile per l’autonomia normativa dei comuni e delle province abroga le norme statutarie con essi incompatibili. I consigli comunali e provinciali adeguano gli statuti entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore delle leggi suddette”.

Resta fermo che, per i comuni con popolazione superiore a 10.000 abitanti, continua ad applicarsi, a decorrere dal 2011, e per tutti gli anni a seguire, la riduzione del 20 per cento del numero dei consiglieri comunali e provinciali ai singoli enti per i quali ha luogo il primo rinnovo del rispettivo consiglio. con efficacia dalla data del medesimo rinnovo, come prevista dall’art 1, comma 2, della legge n. 42/2010, che ha modificato ed integrato l’art. 2, commi da183 a 187 della legge n. 191/2009 (legge finanziaria 2010).

In proposito si richiama la precedente circolare del Ministero dell’Interno, n 2915 del 18 febbraio 2011, reperibile anche sulla pagina web del Ministero all’indirizzo http://incomune.interno.it.

Si pregano, pertanto, le Prefetture    di voler dare la massima diffusione degli elementi sopra esposti.

 ———————————-

DAIT – Direzione Centrale UTG e Autonomie
Prot.Uscita del 18/02/2011
Numero: 2915
 OGGETTO: legge 26 marzo 2010, n. 42 di conversione del decreto-legge 25
gennaio 2010, n. 2 recante: “Interventi urgenti concernenti enti locali
e regioni”. Numero consiglieri e assessori comunali e provinciali.
Com’è noto l’art. 1, comma 2, della legge n. 42/2010, ha modificato ed integrato
l’art. 2, commi da 183 a 187 della legge n. 191/2009 (legge finanziaria 2010) in materia di
contenimento delle spese degli enti locali disponendo, a tal fine, la graduale riduzione del
numero dei consiglieri e degli assessori, comunali e provinciali.
In considerazione delle prossime consultazioni amministrative si ritiene opportuno
richiamare l’attenzione sul disposto normativo ai sensi del quale, a decorrere dal 2011, e
per tutti gli anni a seguire, si applica la riduzione del 20 per cento del numero dei
consiglieri comunali e pro'(inciali ai singoli enti per i quali ha luogo il primo rinnovo del
rispettivo consiglio, con efficacia dalla data del medesimo rinnovo.
 A tal fine “l’entità della riduzione è determinata con arrotondamento all’unità
superiore”, non computando, rispettivamente, il sindaco e il presidente della provincia.
Si evidenzia, al riguardo, che la disposizione legislativa in argomento postula
inequivocabilmente che “l’entità della riduzione” applicata è arrotondata all’unità superiore
tutte le volte in cui le risultanze del calcolo danno luogo ad una cifra decimale.
AI fine di offrire un’esemplificazione circa la nuova composizione dei consigli
comunali e provinciali, fissata ai sensi dell’art. 37 del T.U.O.E.L. n. 267/2000 sulla base
della popolazione residente, come rideterminata dalla normativa in parola, è stata
predisposta la tabella n. 1 che si allega.
Per gli enti che vanno a rinnovo dal 2011, e per gli anni a seguire, va rideterminato il
numero massimo degli assessori comunali e provinciali, sulla base della nuova
composizione consiliare e con efficacia dalla data del rinnovo, in misura pari a un quarto
del numero dei consiglieri del comune e della provincia, computando, in tal caso,
rispettivamente il sindaco o il presidente della provincia, con arrotondamento all’unità
superiore.
In ogni caso, tale numero, ai sensi dell’art. 47, comma 1, del T.U.O.E.L. n.
267/2000, non può superare comunque le 12 unità.
Si allega, al riguardo, la tabella n. 2.
In relazione a quanto indicato sono fatte salve le modifiche apportate in sede di
conversione del D.L. 29 dicembre 2010, n. 225 (c.d. mille proroghe) per i comuni con
popolazione superiore a un milione di abitanti.
Si pregano le SS. LL. di voler curare – con i mezzi ritenuti più idonei – la massima
diffusione degli elementi sopra esposti presso le amministrazioni locali interessate,
rientranti nella competenza di codeste province, alcune delle quali hanno già formulato
quesiti specifici.
 

Tabella n. 1
CONSIGLIERI COMUNALI ESCLUSO IL SINDACO
 Popolazione superiore a un milione di abitanti :Prima 60  :Dopo 48*
Popolazione superiore a 500.000 abitanti-Prima  50  Dopo 40
Popolazione superiore a 250.000 abitanti -Prima 46   Dopo  36
Popolazione superiore a 100.000 abitanti:Prima  40  Dopo pop.sup.100 mila e capoluoghi provincia  32
 Popolazione superiore a 30.000 abitanti  Prima 30  Dopo 24
Popolazione superiore a 10.000 abitanti Prima  20  Dopo 16
Popolazione superiore a 3.000 abitanti  Prima 16  Dopo  12
Popolazione altri comuni  Prima 12  Dopo  9
* fatte salve le modifiche apportate in sede di conversione del D.L. 29 dicembre 2010, n. 225 (c.d. mille proroghe) per i comuni con popolazione superiore a un milione di abitanti.
CONSIGLIERI PROVINCIALI ESCLUSO IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA
 
Popolazione superiore a 1.400.000 abitanti Prima  45 Dopo  36
Popolazione superiore a 700.000 abitanti Prima 36  Dopo 28
Popolazione superiore a 300.000 abitanti Prima  30  Dopo  24
Popolazione altre province Prima 24 Dopo  19

Tabella n. 2
NUMERO MASSIMO ASSESSORI COMUNALI
RINNOVI DAL 2011
Prima  un quarto dei consiglieri, computando il sindaco
 Dopo un terzo consiglieri computando sindaco

Popolazione superiore a un milione di    abitanti Prima 12 Calcolo su 49 (48 consiglieri + il sindaco)Dopo Calcolo su 61 (60 consiglieri + il sindaco) 12 ***
Popolazione superiore a 500.000 abitanti Prima   Calcolo su 51 (50 consiglieri + il sindaco) 12 Dopo  Calcolo su 41 (40 consiglieri + il sindaco) 11
 Popolazione superiore a 250.000 abitanti  Prima Calcolo su 47 (46 consiglieri + il sindaco)12  Dopo Calcolo su 37 (36 consiglieri + il sindaco) 10
 Popolazione superiore a 100.000 abitanti 
Prima Calcolo su 41 (40 consiglieri + il sindaco)  12 Dopo  Calcolo su 33 (32 consiglieri + il sindaco) 9
    Popolazione superiore a 30.000 abitanti 
Prima Calcolo su 31 (30 consiglieri + il sindaco) 10 Dopo Calcolo su 25 (24 consiglieri + il sindaco) 7
 Popolazione superiore a 10.000 abitanti Prima  Calcolo su 21 (20 consiglieri + il sindaco) 7  Dopo Calcolo su 17 (16 consiglieri + il sindaco) 5
 Popolazione superiore a 3.000 abitanti  Prima Calcolo su 17 (16 consiglieri + il sindaco) 6 Dopo  Calcolo su 13 (12 consiglieri + il sindaco) 4
Popolazione altri comuni   Prima Calcolo su 13 (12 consiglieri + il sindaco) 4 Dopo Calcolo su 10 (9 consiglieri + il sindaco) 3
* ai sensi dell’art. 47, comma 1, del d.lgs.vo n. 267/2000 il numero massimo degli assessori nonpuò essere superiore a 12 unità.
** fatte salve le modifiche apportate in sede di conversione del D.L. 29 dicembre 2010, n. 225 (c.d. milleproroghe) per i comuni con popolazione superiore a un milione di abitanti.

NUMERO MASSIMO ASSESSORI PROVINCIALI
RINNOVI DAL 2011
T.U.O.E.L. n. 267/2000 : un terzo dei consiglieri computando il presidente della provincia.Per   (art. 47, Legge finanziaria per il 2010 come comma 1) modificata dalla legge n. 42/2010:Un quarto dei consiglieri computando il presidente della
provincia
Popolazione superiore a 1.400.000 abitanti  abitanti
Calcolo su 46 (45 consiglieri + il presidente )12 Calcolo su 37 (36 consiglieri + il presidente  della provincia) 10 
Popolazione superiore a 700.000 abitanti  Calcolo su 37 (36 consiglieri + il presidente 12 Calcolo su 29 (28 consiglieri + il presidente  della provincia ) 8
Popolazione superiore a 300.000 abitanti  Calcolo su 31 (30 consiglieri + il presidente )10 Calcolo su 25 (24 consiglieri + il presidente  della provincia)  7
Popolazione altre province 
Calcolo su 25 (24 consiglieri + il presidente ) 8 Calcolo su 20 (19 consiglieri + il presidente  della provincia)  5

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 287 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: